Due autobomba a Bengasi

Colpiti i vertici dei servizi di sicurezza. L'esplosione vicino ad una moschea. Più di 30 i morti, altrettanti feriti

Varie Estero

Due esplosioni per fare strage a Bengasi, in Libia. E difatti così è stato con oltre trenta morti e altrettanti feriti, di fronte ad una moschea.

È successo nella serata di ieri attorno alle 20.30.

L’attentato è stato attribuito a Shura Council of Benghazi Revolutionary, una coalizione di milizie integraliste islamiche tra cui la più nota è Ansar al-Sharia ma che comprende anche la brigata 17 Febbraio, la brigata Rafallah al-Sahati e altri gruppi terroristici.

L’intento dei terroristi era quello di colpire i vertici dei servizi di sicurezza.

L’attentato è stato strutturato in due sequenze con l’intento di colpire il maggior numero di persone: all’esplosione di un primo ordigno ne è seguita una seconda che ha investito i soccorritori.

La conta delle vittime è ancora in corso, sembrerebbero più di trenta e altrettanti i feriti.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 24 gennaio 2018
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore