Il film “Chappaqua” proiettato al Maga

Appuntamento domenica 21 gennaio 2018 nella sala degli Arazzi Ottavio Missoni con ingresso gratuito

Global Learning al Museo Maga

Domenica 21 gennaio 2018, alle ore 17.00, nella sala degli Arazzi Ottavio Missoni del MA*GA di Gallarate, verrà proiettato il film (in lingua originale, sottotitolato in italiano) Chappaqua di Conrad Rooks (1966). L’appuntamento, che rientra nel ciclo Beat Filming. Il cinema e la Beat Generation, è uno degli eventi collaterali che accompagnano la mostra Kerouac. Beat Painting, in corso fino al 22 aprile 2018.

La proiezione sarà introdotta da Roberto Della Torre, docente di Storia del cinema italiano all’Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano e responsabile dell’Archivio storico del film della Fondazione Cineteca Italiana. Chappaqua è un film sperimentale del 1966 scritto, diretto e interpretato da Conrad Rooks che si avvale dei cameo di esponenti della Beat Generation e altri personaggi quali lo scrittore William S. Burroughs, il guru Swami Satchidananda, i poeti Allen Ginsberg, Peter Orlovsky e i musicisti Moondog, Ravi Shankar e Ornette Coleman.

La trama segue la storia del tossicodipendente americano Russel Harwick, che si trasferisce a Parigi in una clinica e si fa seguire da uno specialista per cercare di disintossicarsi. Nel pieno delle cure, il paziente riesce a scappare e a procurarsi della droga, ma viene trovato e riportato in clinica per continuare la terapia. Alla fine viene dimesso sebbene le sue condizioni non siano minimamente migliorate.

In Chappaqua sono presenti tutti gli elementi e le tematiche che ne fanno uno dei più famosi esempi di film psichedelici. Chappaqua è stato premiato alla 31ª Mostra internazionale d’arte cinematografica di Venezia del 1966 con il Leone d’Argento – Gran Premio della giuria. Ingresso gratuito.

di manuel.sgarella@varesenews.it
Pubblicato il 20 gennaio 2018
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore