Una forte vibrazione e poi lo schianto: terrore sul treno dei pendolari

Le prime indagini sulle cause hanno individuato la rottura di una rotaia. L'incidente sarebbe "iniziato" a due chilometri dal punto del deragliamento

deragliamento treno

Una mattinata tremenda per le centinaia di pendolari che affollavano il treno regionale 10452 partito da Cremona alle 5.32 e diretto a Milano Porta Garibaldi.

Galleria fotografica

Deragliamento pioltello segrate 4 di 6

Incidente di Pioltello – Cos’è successo – le cause

Il treno è uno dei treni del mattino da Cremona che entra a Milano attraverso la linea da Venezia-Treviglio. Alle 7, poche centinaia di metri oltre la stazione di Pioltello, tre carrozze del convoglio sono uscite dai binari, in prossimità di uno scambio tra le stazioni di Segrate e Pioltello. Le prime due carrozze hanno oltrepassato lo scambio, la terza è uscita dai binari ed è stata “tamponata” dalle due carrozze successive e dalla locomotiva che spingeva il convoglio (sono treni bi-direzionali).

Tecnici e polizia hanno individuato un punto in cui una rotaia ha avuto un cedimento per una ventina di centimetri, in corrispondenza di un punto di giunzione tra due spezzoni di rotaia.

Diversi passeggeri hanno parlato di una vibrazione, fortissima, che ha preceduto il deragliamento. Potrebbe essersi trattato del cedimento della rotaia, che ha causato l’uscita – tecnicamente si parla di “svio” – di un asse (una coppia di ruote) o dell’intero carrello (due assi) di una delle carrozze. Il treno avrebbe proseguito la sua corsa, perché – contrariamente a quello che si potrebbe pensare – l’uscita di un asse non è percepito in modo immediato, specie su un treno in corsa. Oltre la stazione di Pioltello, circa 2 km dopo, in corrispondenza dello scambio, l’asse uscito dai binari avrebbe trovato un ostacolo e avrebbe innescato il deragliamento vero e proprio.

La cronaca della mattinata

Le vittime

Tre le vittime del tragico incidente: sono state identificate Pierangela Tadini, 51 anni, originaria di Caravaggio e residente a Vanzago, e Giuseppina Pirri, 39 anni, di Cernusco sul Naviglio. Ancora non nota l’identità della terza vittima.

Una decina le persone che sono rimaste incastrate e successivamente sono state liberate dai Vigili del Fuoco. Una decina i feriti gravi trasportati in elicottero negli ospedali della zona, dove sono state bloccate tutte le operazioni non urgenti per permettere di far fronte all’emergenza. Tra i feriti più gravi una persona a cui è stato necessario amputare una gamba.

Sono state un centinaio le persone ferite in modo non grave, alcune delle quali medicate sul posto.

Incidente di Pioltello – I soccorsi

Un gran numero di ambulanze, mezzi dei Vigili del fuoco e tecnici sono confluiti sul luogo dell’incidente nel giro di mezz’ora.

Sul posto una ventina di ambulanze, auto mediche, due elicotteri. I Vigili del fuoco hanno operato con 70 unità.

Al lavoro anche tecnici di Rfi, Polizia e Carabinieri, e una squadra speciale della Polizia ferroviaria addestrata in modo specificio per il rilevamento degli incidenti ferroviari.

I disagi

Immediate le ripercussioni sul traffico regionale. 

La circolazione è stata bloccata sulla direttrice e Milano Treviglio, con riflessi su tutta la circolazione, compresa la linea Varese Milano Treviglio, dove si sono registrate numerosi ritardi e soppressioni.

Il cordoglio per le vittime

Nelle prime ore dopo l’incidente sono stati numerosi i messaggi di cordoglio per le vittime e di vicinanza ai feriti.

Leggi > I commenti e le reazioni

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 25 gennaio 2018
Leggi i commenti

Galleria fotografica

Deragliamento pioltello segrate 4 di 6

Galleria fotografica

Deraglia un treno tra Pioltello e Segrate 4 di 13

Galleria fotografica

Le immagini dal deragliamento a Pioltello 4 di 7

Galleria fotografica

Incidente ferroviario, i soccorsi 4 di 12

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore