Ecco la bosinata della Oprandi che smaschera le fake news

La sua “I dì du la merla” parla delle chiacchiere di paese che passano di bocca in bocca. E' la quinta volta che vince

Festa della Gioebia e premiazione del poeta Bosino 2018

Un vero e proprio “filotto”: Luisa Oprandi ha vinto per la quinta volta – su cinque partecipazioni – il premio Bosino.

Galleria fotografica

Festa della Gioebia e premiazione del poeta Bosino 2018 4 di 15

È stata lei infatti a ricevere ieri sera, 25 gennaio 2018, il premio di “Poeta Bosino 2018”: il riconoscimento le è stato conferito durante la Festa d’ra Giobia 2018, organizzata dalla famiglia Bosina e svoltasi nella sala Campiotti della Camera di Commercio.

A farla vincere è stata una “bosinata”, cioè un componimento ironico in rima e in dialetto: «La mia “I dì du la merla” parlava di quelle chiacchiere di paese che passano di bocca in bocca e si ingigantiscono o distorcono totalmente, fino a diventare completamente false – spiega Oprandi  Di fatto, ho raccontato delle fake news, come si facevano una volta».

La “bosinata sulle fake news” non era l’unico componimento che Oprandi ha consegnato alla famiglia Bosina: un altro, più serio era dedicato all’incendio del Campo dei Fiori, visto come una violenza a una donna: «L’ho ideato il 28 ottobre: mentre io partecipavo a un reading di poesie contro la violenza alle donne, in piazza del Podestà, dietro di noi bruciava il Campo dei Fiori. L’accostamento, e l’ispirazione, sono arrivati da lì».

Dopo di lei, il secondo posto se lo è aggiudicato Michele Piacenza con il componimento dialettale “Da dre a la memoria”. Al terzo posto invece è arrivato Luigi Carlo Binda con “I duu spositt”.

I dì du la merla

I  trìi dì du la mèrla a la fin de Genàr,

quand la nòtt sa dislengua in d’ ul ciel ch’a vèn ciàar,

lassàn giò tὔtt intùrna, sti gran malcapazz,

‘na baὔscia de tèra mesciaàda cul giàzz.

L’è périculùus nà fὂra de cà,

basta nagόtt per pudé vultà là,

catà sὔ ‘n tupìcch, scarpὔscià cumè ‘n bàmba,

finì lung e tiràa, cun scepàda ‘na gamba…

Cun nel cò sti pensée, ul Pedar ‘na sira,

ghe dis a la miée, che de nόmm fa Palmira,

duman a pruvéed, per fà da disnà,

te vett de per ti, mi sto in lett a runfà”..

Palmira, ul dì dòpu, la va fò de per lée,

la cata ul giambùn in del cervelée,

dal macelàar un pulìn già bel nétt,

in dul prestinèe tri o quatar michétt.

‘Na ròba nurmal, s’el fὔdess mia che lùur,

Palmira e ul so Pedar,  pὔntὔall ai nὂv ur,

vann fὂra de cà, tὔtt i dì sottbrazzètt,

lée in capelìna, lὔ vestì ‘mè un sciurétt.

“Se l’è stamatina sta gran nuità?

Ul Pedar gh’è nò, al sarà mia malàa?”

la pensa par prima la sciura Cesira,

‘mè la ved, de per lée, in gir la Palmira.

La fa minga in temp a fa sto pensée,

che, svelta me ‘n ratt, la ga riva lì adré

la Pina, che, senza tirà un zicch ul fiàa,

la frigna “ un quajcoss  a l’è capitàa…

me sunt incurgiὔda,  te ‘l disi sincera,

che ‘l Pedar g’aveva ‘na gran brὔta cera.

Al faseva fadiga a tégnigh ul pass,

tacà alla Palmira quand nàven a spass”…

‘Na parola l’è pocch, dὔὔ in anca tropp,

quel  όmm l’évan faj, in d’un bòtt, tutt a tòcch:

perché nel vidé che parlàven sottvùus

anca la Gina e ‘l Tumàs, sò murùus,

de pudè  dì la sua évan pensà

e un cicinìn anca lùur a tacag là :

“l’è minga un cάas che l’ho vist propri mi

in farmacia che saran già dess dì

ho minga pudὔu scultà s’el cumpràva

al parlava sottvùus e intant  al bufava”

E se a dì sti paroll l’è la Gina barbèra,

gh’è propri da credig: la roba l’è vera.

Ul grὔpp discὔteva tacàa a la finestra

de la cà dula Rosa, la sciura maestra

la pὔssée riverìda de tutt ul paés

e naja in pensiùn da un ann e sées mées,

che, cun vùus muresìna e fa piangiurlènt,

ga fà un refilé a tὔta sta gent:

“L’è ‘na roba privàda, se def stagh atènt

a minga riscià de parlà malamènt….

Sti mia lì da fὂra, a sὔtà a zabétà,

ve prepari un cafè, vegnì dentar in cà”.

In cà gh’eva lée cui so tri surèll,

‘na zia, ‘na cὔsina e la miée d’un frèdell.

Scultàda la storia, bevὔὔ ul cafè,

la Rosa, già smorta, la leva sὔ in pée,

cun fa de perpetua e cun grand devuziùn,

la và in la so stanza, la derviss ul cifùn

pὂ la turna in cὔsina cunt in man ul rusari:

“disemm ‘na preghiera per quel strafalàri..

intant che partissum insèma e  ‘nemm via

per digh al cὔràa de sunà l’agunìa”.

Nel fa cincènt métar fin in fund a la stràva

la fila de gent a ogni pass s’ingrusàva.

Finchè li davanti a la gran prucessiùn,

saltàa fò tὔtt a’n bott, da chissà qual cantùn

cumpariss tὔtt bel lustar cumè un figὔrin

ul Pedar e in fianc la sò miè in capelìn.

Cun la bòca verta e i ὂcc spalancàa

se ferman lì tὔcc e  ul Pedar al fa:

“Sta mὔgia de gent l’è mia roba nurmal,

al par che si drè a ‘nà a un fὔneràl…

Che facc bianch e smort…..vardée invèci mi

sun fresch me ‘na rὂsa….. sun levàa sὔ a mesdi”

                                                           Més dopu més

di stefania.radman@varesenews.it
Pubblicato il 28 gennaio 2018
Leggi i commenti

Galleria fotografica

Festa della Gioebia e premiazione del poeta Bosino 2018 4 di 15

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore