Longhin (Lega): “Sprar, ci si vanta di una vergogna”

Il caustico commento di Giuseppe Longhin alla notizia dell’approvazione da parte del Ministero dell’Interno del progetto SPRAR

giuseppe longhin

«Ci si vanta di una vergogna!». Questo il caustico commento di Giuseppe Longhin alla notizia dell’approvazione da parte del Ministero dell’Interno del progetto presentato dal comune di Besozzo come capofila, e Comerio per il bando SPRAR (Sistema di Protezione per Richiedenti Asilo e Rifugiati) sui richiedenti asilo.

«I cittadini di Besozzo e Comerio dovrebbero indignarsi, qui si abusa della credulità popolare. Besozzo e Comerio hanno già 25 migranti ospiti delle cooperative (17 Besozzo e 8 Comerio) che costano alla comunità 320 mila euro l’anno. Ora con questi altri 36 si arriva a 840 mila euro l’anno per 61 persone vale a dire circa 14 mila euro cadauno – commenta Longhin -. Ma la questione più grave è presentare il progetto come “utile agli italiani” Quanto daranno Aimetti e Del Torchio di questo milione e mezzo di euro ai propri cittadini? Sono convinto che nei due comuni risiedano ben più di 61 cittadini in condizioni peggiori dei migranti ventenni e palestrati alla ricerca di un lavoro. Prima diamo occupazione ai 50nni disoccupati e con una famiglia e poi riempiamoci il cuore e svuotiamoci le tasche per gli altri».

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 03 gennaio 2018
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore