Museo della Collegiata: un 2017 intenso e un 2018 ricco di eventi

Tante novità, interventi e proposte culturali hanno segnato l'anno appena concluso. Ne parla il direttore del Museo Dario Poretti

L\'alba della Collegiata

Tempo di bilanci per il Museo della Collegiata di Castiglione Olona, che mette in archivio tanti cambiamenti e novità e si prepara ad un 2018 ricco di eventi, idee ed appuntamenti.

«Innanzitutto abbiamo avuto l’avvicendamento del Conservatore – spiega il direttore del Museo, Dario Poretti – Dopo aver salutato e ringraziato Federica Armiraglio, al termine dei suoi dieci anni di lavoro, segnati dal bellissimo riallestimento delle sale museali e concluso con la redazione della nuova guida in vendita presso il bookshop, abbiamo da settembre iniziato a conoscere Laura Marazzi, nuova Conservatrice e Responsabile del Servizio Didattico. Questo preludio di collaborazione si sta rivelando promettente: la sua presenza, preparazione, passione, esperienza e stile personale, credo abbiano già conquistato tutta la simpatia e disponibilità del numeroso gruppo di volontari che operano presso la struttura».

E proprio ai volontari saranno dedicati, nei prossimi mesi, alcuni incontri formativi che aiutino a condividere sempre meglio le informazioni che vengono trasmesse ai turisti: «Sarà una bella occasione di scambio e approfondimento per rinsaldare la propria preparazione e per rinnovare il proprio bagaglio culturale – spiega Poretti – La ripresa del servizio educativo propone inoltre una serie di attività rivolte alle scuole, alle famiglie e agli adulti per vivere il museo come luogo di apprendimento, attraverso percorsi esplorativi dei luoghi e delle opere».

Il museo assolve così al suo compito di centro di educazione permanente: a partire dalla scuola di ogni ordine e grado, incrementata negli anni di formazione, l’educazione consapevole al patrimonio culturale diventa un punto di riferimento nell’età adulta. L’obiettivo è quello di ravvivare il dialogo tra i visitatori e il patrimonio del museo, rendendo attivo quel processo emozionale e conoscitivo che rappresenta il presupposto indispensabile per una piena conoscenza e valorizzazione del museo.

Il 2017 è stato anche un anno di importanti interventi: «Abbiamo portato a compimento il restauro della bellissima Annunciazione attribuita ad Apollonio di Giovanni, realizzato dalla ICSA di Sesto Calende. L’intervento ha riportato alla luce la grande bellezza di quest’opera, restituita al godimento dei nostri avventori. Ancor più importante il restauro del lampadario fiammingo, svolto dalla professoressa Lucia Miazzo, finanziato dal progetto “restituzioni” della banca Intesa San Paolo che lo porterà in mostra nei primi mesi del nuovo anno presso la Reggia di Venaria. L’architetto Cazzola ha invece portato a compimento un suo progetto, di qualche anno fa, per la messa in sicurezza e il restauro del portale di ingresso alla Rocca: è di tutta evidenza come questo intervento, realizzato dalla ditta Gasparoli, abbia sensibilmente riqualificato il primo impatto del visitatore con il nostro museo. Non più reti di sicurezza, ma un portale dal sapore antico che introduce in un ambiente unico. Presenteremo questi lavori nei prossimi mesi, con una conferenza aperta al pubblico».

Non sono mancate le attività culturali: il Mese della Musica ad ottobre, con una grande partecipazione di pubblico, le presentazioni di libri proposte dall’Associazione Borgo Antico, la stagione teatrale realizzata dalla Pro Loco. Grande successo anche per la Locanda alla Collegiata, gestita da Alberto Bombelli, che amplia l’offerta per turisti e visitatori

«Il mio grazie va a tutti coloro che donano le proprie forze -personali o economiche- al Museo della Collegiata – conclude Dario Poretti – Senza di loro quanto con impegno portiamo avanti ogni giorno non sarebbe possibile. Un grazie speciale al gruppo di volontari dell’associazione Amici di Masolino, cui invito ad aderire coloro che amano l’arte e la Collegiata. Sappiamo che il volontariato è un bene prezioso, lo stimiamo e lo incoraggiamo. Venire in Collegiata diventa non solo un servizio reso alla comunità, ma anche occasione di incontro e di crescita».

All’orizzonte del Museo si intravede già un 2018 promettente, ricco di iniziative ed eventi,che posso ssere seguito sia sul sito del Museo, sia sulla pagina Facebook.

di
Pubblicato il 02 gennaio 2018
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.