Nessuna indagine porta a porta dei tecnici ASL

ATS Insubria nega ogni coinvolgimento in attività di analisi delle polveri sottili nelle residenze private e mette in guardia da possibili impostori

truffa anziani

Sono state registrate alcune segnalazioni, nella zona del gallaratese, relative a due giovani donne che mostrano un tesserino ASL e cercano di entrare nelle case di persone anziane in qualità di tecnici che verificano problematiche relative alle polveri sottili.

Si tratta di truffatrici: l’ASL, dal 1° gennaio 2016, si è trasformata in ATS Insubria e i tecnici dell’Agenzia non svolgono attività porta a porta.

Medesime segnalazione si erano verificate, la scorsa estate, nel Varesotto e nel Comasco.

ATS Insubria chiede ai cittadini di effettuare eventuali ulteriori segnalazioni anche alle autorità competenti.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 26 gennaio 2018
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore