Nuovo polemico addio nella chirurgia universitaria di Varese

Con un saluto sul suo profilo social, il dottor Stefano Rausei ha comunicato la dolorosa decisione ringraziando colleghi e pazienti

dottor stefano rausei

Nuovo doloroso e polemico addio nella chirurgia universitaria dell’ospedale di Varese. Anche il dottor Stefano Rausei ha deciso di fare le valigie e trasferirsi altrove. La voce del suo imminente addio era nell’aria da tempo. E che si sia trattato di una scelta dolorosa lo afferma lui stesso nel commiato ai colleghi affidato alla sua pagina Facebook, subito ripresa da molte persone che lo hanno salutato con affetto e un pizzico di rimpianto: ” Tanto le mie origini, orgogliosamente semplici, quanto il mio curriculum, carico di sudore così come di competenze, mi suggeriscono questo (doloroso) passo”

Continua, quindi, la diaspora di quella che fu la squadra del magnifico rettore Renzo Dionigi prima, affidata poi al figlio Gianlorenzo. E come è accaduto con il professor Boni, anche il dottor Rausei parla di scelta dolorosa ma necessaria per la sua dignità di specialista e per la sua scarsa disponibilità al compromesso, la sua intransigenza “verso qualsiasi lobby, in particolare quando monocratica e autoreferenziale”. Proprio qualche settimana fa, Dionigi, il padre della chirurgia clinica varesina, aveva lanciato l’allarme sul futuro del reparto. 

Una decisione dettata anche dalla “ passione per la professione che ho scelto (medico e chirurgo prima di tutto, poi ricercatore per passione) e il profondo rispetto che nutro per le persone malate”.

Moltissimi gli attestati di stima da parte dei colleghi ma anche di tanti pazienti che hanno trovato in lui uno specialista attento e umano.

Il dottor Rausei è quindi entrato nella squadra della chirurgia generale di Gallarate.

Il suo saluto è arrivato proprio nel giorno in cui l’Università dell’Insubria annunciava ufficialmente la nuova convenzione con l’ASST Lariana e l’ospedale Sant’Anna a Como.

di
Pubblicato il 16 gennaio 2018
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore