Premiati centottanta dipartimenti di eccellenza, nessuno è all’Insubria

Il Ministero ha stanziato oltre un miliardo di euro per sostenere la ricerca in 180 dipartimenti di eccellenza. Il Rettore polemico: " Regole decise in modo estemporaneo ci hanno penalizzato"

Tour nel collegio dell'Insubria (inserita in galleria)

180 Dipartimenti di eccellenza che si spartiranno oltre 1 miliardo di euro da investire in capitale umano, infrastrutture, attività didattiche altamente qualificate.

L’elenco dei magnifici è stato pubblicato dal Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca.

Ai 180 dipartimenti universitari andranno 271 milioni di euro previsti annualmente, per il quinquennio 2018-2022, dalla legge di bilancio 2017 per rafforzare e valorizzare l’eccellenza della ricerca.

I criteri di selezione sono stati individuati da una commissione formata da sette personalità di alto profilo scientifico e presieduta dalla Professoressa Paola Severino. Hanno potuto presentare domanda per i finanziamenti, inviando i loro progetti di ricerca, 350 Dipartimenti inseriti nell’elenco predisposto dall’ANVUR (Agenzia nazionale di valutazione dell’Università e della Ricerca) sulla base di un indicatore standardizzato di performance (ISPD) individuato dalla stessa Agenzia. La selezione dei 180 Dipartimenti è avvenuta sulla base della fattibilità dei progetti di ricerca presentati, della coerenza dei progetti con le priorità del sistema nazionale e internazionale, delle ricadute attese. Dei 180 progetti finanziati, per un totale di 1,3 miliardi nel quinquennio, 106 sono di università del Nord, 49 del Centro, 25 del Sud.

Tra i premiati non c’è alcun dipartimento dell’Università dell’Insubria.
Il risultato è stato accolto con rammarico al rettorato dell’Insubria: « Non nego che la notizia mi abbia amareggiato – commenta il rettore Alberto Coen Porisini – l’ateneo partecipava al bando con tre progetti e purtroppo non abbiamo ottenuto nulla. È ancora più difficile da accettare perché uno dei tre è risultato, quanto a qualità, tra i primi cinque dell’ambito informatico. Purtroppo, però, le regole estemporanee decise lo scorso anno e comunicate in corso d’opera ci hanno penalizzato. La valutazione, infatti, era composta da un giudizio sul progetto e da uno sull’intera attività di ricerca del Dipartimento. Informatica si è ritrovata, così, penalizzata perché i nostri dipartimenti sono stati decisi per far fronte a una regola imposta dall’allora Ministro gemini che ha previsto 36 specialisti per Dipartimento: dato che il nostro ateneo è piccolo abbiamo dovuto mettere insieme diverse specialità. Grande amarezza, quindi, perché non siamo stati messi in grado di poter partecipare con regole chiare e certe sin dall’inizio. È un peccato ma sono certo che recupereremo in altro modo quei fondi che oggi ci sono sfuggiti: negli ultimi anni avevamo sempre visto incrementare la quota di finanziamenti legati alla qualità dei lavori».

Per quanto riguarda “Scienze matematiche e informatiche”, i dipartimenti ammissibili a finanziamento sono 11 tra cui la sola Pavia tra gli atenei lombardi. La stessa università rientra anche tra i 7 dipartimenti dell’area “Scienze fisiche”, sempre unico dipartimento lombardo.

Nell’area scienze chimiche: degli 11 che otterranno il finanziamento, in Lombardia troviamo Milano Bicocca.  L’UniMilano, invece, ottiene uno dei finanziamenti dell’area “Scienze della Terra”, un secondo va a Milano Bicocca. Stesse università premiate anche per l’area “scienze biologiche” che vede ben 4 su 13 finanziamenti in Lombardia grazie anche a “medicina molecolare” di Pavia e al doppio premio per i dipartimenti di Scienze farmacologiche e biomolecolari e di Bioscienze dell’Università degli Studi di Milano.

Tra gli indirizzi di medicina ottengono fondi extra Medicina e Chirurgia di Milano Bicocca, Oncologia ed meato-oncologia dell’UniMilano e Medicina molecolare e traslazionale dell’Uni Brescia.

Nel capitolo “Scienze agrarie e veterinarie” la Lombardia non ottiene nessuno dei 10 fondi extra.

Tre dipartimenti di eccellenza lombardi, invece, risultano nell’area “Ingegneria civile e architettura” con il doppio premio per il Politecnico di Milano (Design e architettura e Studi urbani) e per lo IUSS di Pavia.

Doppio finanziamento del Politecnico di Milano anche per l’area “Ingegneria industriale e dell’Informazione  con i dipartimenti di meccanica ed energia.

Solo gli studi umanistici di Pavia e Bergamo risultano nell’elenco dei 18 finanziati dell’area “scienze dell’antichità, filologico-letterarie e storico-artistiche”.

Dei 13 dipartimenti finanziati nell’area “Scienze storiche, filosofiche, pedagogiche e psicologiche” troviamo ancora psicologia di Milano Bicocca e filosofia dell’UniMilano.

E sono sempre UniMilano e Milano Bicocca a ottenere fondi extra per i dipartimenti delle “scienze giuridiche”, per quelli di “scienze economiche e statistiche”  per quelli di “scienze politiche e sociali”.

di
Pubblicato il 10 gennaio 2018
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.