“Tutto quello che ho imparato in un anno in Australia”

Per Fabio Ventimiglia il tempo da "varesino all'estero" è, per il momento, finito. Questo giovane 25enne era partito da Golasecca verso l'Australia e ha trascorso un anno a Brisbane

ragazzo australia

Per Fabio Ventimiglia il tempo da “varesino all’estero” è, per il momento, finito. Questo giovane 25enne era partito da Golasecca verso l’Australia e ha trascorso un anno a Brisbane.

Varesini all'estero

La sua esperienza si è dunque conclusa ma il suo racconto può essere molto utile per chi sta pensando di imbarcarsi nella stessa avventura. L’Australia, del resto, ha un programma per preciso e delimitato nel tempo per chi vuole provare un’esperienza di studio e di lavoro laggiù.

SEI UN VARESINO ALL’ESTERO? RACCONTACI LA TUA STORIA

Quello che fabio ha imparato in un anno in Australia ha scelto di raccontarcelo con questa lettera.

Questa è l’Australia – scrive Fabio -, questo è il mio paese, quello che mi ha regalato in un solo anno un sacco di cose. Sfortunatamente, il mio tempo in Australia è finito e mi tocca tornare in patria. Ricordo all’inizio, tutto era nuovo e diverso: edifici e palazzi altissimi, il fiume Brisbane tra i diversi sobborghi, lo stile di vita frenetico, la città piena di gente che arriva da tutte le parti del mondo, tutti sorridono e sono felici trasmettendoti positività, le macchine guidate nell’opposto senso di marcia rispetto a noi ! Il tempo è perfetto, è caldo, ok, forse a fine febbraio era troppo caldo con 38 gradi umidi! Ho iniziato a lavorare un paio di giorni dopo il mio arrivo, ho ottenuto 2 lavori in poco tempo.

Ho iniziato come cameriere di sala in un ristorante italiano, e dopo un mese mezzo trovai il secondo lavoro che poi divenne il mio primo: imbianchino, (lavoro mai fatto in Italia). E devo dire che ho lavorato sodo e duramente mantenendoli tutti e due.

Il mio inglese era il peggiore del mondo all’inizio, non ero in grado di parlare e capire cosa diceva la gente, e questa fu una delle mie paure quando decisi di andare nelle terra dei canguri! Ma ora, dopo un anno di pratica, dopo aver visto programmi TV e film in inglese, dopo aver chiesto tutte le volte che non capivo qualcosa il significato delle varie parole e modi di dire; posso dire che il mio inglese è migliorato un sacco e riesco ad avere una qualunque conversazione senz’altro problemi. Ok non è mai abbastanza ma vorrò comunque continuare a migliorarlo ogni giorno sempre di più.

Ho incontrato molte persone e ho imparato qualcosa di diverso da tutti loro. La cosa triste qui è di dire addio alle persone a cui ti sei legato, e sai che potrebbe essere un addio definitivo perché non le vedrai mai più nella tua vita. Ma ad ogni modo tutti lasciano dentro di te un segno indelebile che non dimenticherai mai, avrai solo bei ricordi.

L’Australia è come dicono in giro, uno stato con molte opportunità per tutti, dove se sei un buon lavoratore con voglia di fare non avrai difficoltà a trovare lavoro. È un bellissimo paese, dove puoi avere un ottimo stile di vita, una serenità, una stabilità economica sopra la media e goderti al ​100% tutto: viaggiare in questo lato del mondo scoprire un mondo una natura una cultura e uno stile di vita nuovo.

Quando sei qui senti un profondo senso di libertà e sei pronto a cambiare la tua vita per un po’ e metterti alla prova. Ho avuto molte soddisfazioni da questa esperienza e tutto è andato molto meglio di quando mi aspettavo e sono orgoglioso di me e posso dire “Fabio, ben fatto”.

Non mi sono mai arreso, sono stato gentile, rispettoso e onesto con tutti, ho lavorato sodo e insomma ho dato del mio meglio. Ho imparato un sacco di cose ho aperto i miei orizzonti la mia mente, ho conosciuto gente da tutte le parti del mondo, diverse culture stili di vita mentalità. Ovviamente ci sono stati momenti anche difficili, momenti di solitudine, ma passano subito in Australia perché c’è sempre qualcosa di nuovo da vedere da fare e da scoprire.

Non posso credere che quest’anno sia andato così veloce, ma posso sicuramente dire che ho lasciato un pezzo del mio cuore in questo paese e che questa esperienza è la migliore che abbia mai fatto nella mia vita. Ovviamente ho visto canguri, koala, diavoli delle Tasmania, ragni giganti e pericolosi serpenti e pipistrelli immensi.

Onestamente, non sono pronto e ho paura di tornare in Italia, mi sento cambiato, vedo tutto in un modo completamente diverso, e so che mi arrabbierò di nuovo a rivedere la stessa situazione che lasciai un anno fa in Italia. Ad ogni modo, sono ancora io, Fabio, un sorridente sognatore italiano che vuole sempre imparare, scoprire e migliorare se stesso.

Ma ora, devo tornare in Italia. La mia famiglia mi sta aspettando e mi mancano davvero, non vedo l’ora di abbracciare tutti. Non vedo l’ora di vedere e uscire di nuovo con i miei amici, e raccontargli tutta la mia straordinaria avventura australiana! Ciao ciao Australia, mi mancherai un sacco.

Ps: In caso qualcuno volesse fare due chiacchiererò e avere qualche consiglio lascio il mio profilo Instagram fabio20mph.

In un recente articolo abbiamo scritto di come siano oltre 53mila i varesini che si sono trasferiti all’estero. Proprio come con Fabio ci piacerebbe raccontare, per quanto possibile, chi siano, di cosa si occupano e dove si trovano là fuori nel mondo. Se vivete all’estero e vi piacerebbe mettervi in contatto con noi potete compilare questo modulo, vi contatteremo al più presto.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 19 gennaio 2018
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore