Ripulita micro discarica a Capolago

Gli operai di Aspem, intervenuti su richiesta del Comune di Varese, hanno rimosso circa 40 metri cubi di rifiuti inerti

Discarica via Maspero

(Foto di repertorio)
Mercoledì mattina è stata ripulita una micro discarica abusiva di materiale inerte a Capolago.

Gli operai di Aspem, intervenuti su richiesta del Comune di Varese, hanno rimosso circa 40 metri cubi di rifiuti inerti e tra questi circa 6 metri cubi di materiale ingombrante.

Prima dell’attività di pulizia le Guardie Ecologiche di Varese hanno effettuato un controllo del materiale per verificare la presenza di qualsiasi particolare che potesse ricondurre ai responsabili di questo grave gesto di inciviltà.

«Purtroppo nonostante gli appelli e le denunce questi fenomeni di inciviltà continuano a verificarsi, con costi alti per l’intera comunità – dichiara l’assessore all’Ambiente, Dino De Simone – Per ripulire le zone che vengono sporcate da chi non ama la nostra città dobbiamo spendere ogni anno molte risorse per far fronte a micro discariche abusive, atti di vandalismo o rifiuti abbandonati per strada. Somme che invece potremmo destinare a migliorare la nostra Città Giardino. Ora però, grazie al potenziamento delle Guardie Ecologiche, contiamo di poter presidiare maggiormente il territorio in modo da scongiurare il ripetersi di questi fenomeni e avere più possibilità di individuare i responsabili».

di stefania.radman@varesenews.it
Pubblicato il 26 gennaio 2018
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da carlo196

    Responsabili che dovrebbero essere sanzionati a dovere. Anche a Varese bisognerebbe attuare il metodo “Singapore” (vedere come vengono puniti gli sporcaccioni dell’ambiente).

Segnala Errore