Saleem Ashkar a BA Classica

Il pianista palestinese sarà a Busto nell'ambito del festival organizzato dall'associazione musicale Rossini

pianoforte, musica, classica, jazz

Il Festival BAClassica, iniziativa realizzata dall’Associazione Musicale G. Rossini, in collaborazione con il Comune di Busto Arsizio e il patrocinio della Regione Lombardia, in occasione del centenario dell’Associazione, continua giovedì 1 febbraio alle 20.30 al Teatro Sociale.

Protagonisti Nicola Cattò, direttore della rivista MUSICA, che dialogherà con Saleem Ashkar, pianista palestinese che ha fondato un’orchestra a Nazareth dove collaborano armoniosamente arabi, cristiani ed ebrei.
Ashkar interpreterà poi quattro Sonate per pianoforte di Beethoven.

Questo il programma:

L. V. BEETHOVEN – SONATE PER PIANOFORTE

N. 1 in fa minore, Op. 2 N. 1
1. Allegro
2. Adagio
3. Minuetto. Allegretto
4. Prestissimo

N. 2 in la maggiore, Op. 2 No. 2
1. Allegro vivace
2. Largo appassionato
3. Scherzo: Allegretto
4. Rondò: Grazioso

n. 12 in la bemolle maggiore, op. 26
“Marcia funebre”
1. Tema con variazioni. Andante
2. Scherzo. Allegro molto
3. Marcia funebre sulla morte d’un eroe
4. Allegro

N. 21 in do maggiore, Op. 53 “Waldstein”
1. Allegro con brio
2. Introduzione. Adagio molto
3. Rondo. Allegretto moderato

SALEEM ABBOUD ASHKAR ha debuttato alla Carnegie Hall di New York all’età di 22 anni, e da allora ha lavorato con le maggiori orchestre internazionali tra cui: Vienna Philharmonic, Israel Philharmonic, Chicago Symphony, Filarmonica della Scala, Concertgebouw, Gewandhaus di Lipsia, Deutsche Symphony Orchestra di Berlino, London Symphony Orchestra, Radio Symphony Orchestra e Danish National Symphony
Orchestra.Si esibisce regolarmente con direttori come Zubin Mehta, Daniel Barenboim, Riccardo Muti, Lawrence Foster, Bertrand de Billy, Philip Jordan, Nikolaj Znaider, e Ludovic Morlot. Un legame speciale lo lega a Cristhoph Eschenbach con il quale ha debuttato con la NDR Hamburg Orchestra per poi essere immediatamente richiamato al concerto straordinario per il compleanno di Schumann tenutosi nel 2010. E’ stato in tour con Riccardo Chailly e l’Orchestra del Gewandhaus di Lipsia con il primo concerto di Mendelssohn, esibendosi anche ai Proms e al Festival di Lucerna. Le prossime presenze lo vedranno impegnato in Italia con l’Orchestra di Santa Cecilia prima, e con la Filarmonica della Scala poi. Ashkar ha studiato alla Royal Academy of Music di Londra con Maria Curcio, e con Arie Vardi all’Università di Hannover per la Musica e il Teatro. Debutta su etichetta Decca nel 2013 con i Concerti per pianoforte e orchestra n. 1 e n. 4 di Beethoven diretti da Ivor Bolton alla Direzione della NDR Sinfonieorchester, registrati live ad Amburgo presso la Laeiszhalle nel settembre 2012. Sempre per Decca sta realizzando l’integrale delle Sonate per pianoforte di Beethoven.

di orlando.mastrillo@varesenews.it
Pubblicato il 30 gennaio 2018
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore