Una scatola blu per fermare i bulli

È il progetto promosso dalla Polizia di Stato che metterà nelle scuole questa cassetta dove imbucare segnalazioni anche anonime

blu box contro il bullismo

Segnalazioni, anche anonime, in una “blu box” per scoprire i casi di bullismo o prevaricazione.

È il progetto che promuove la Questura di Varese e che sarà presentata il prossimo 23 gennaio agli studenti dell’istituto Newton di via Zucchi e il 2 febbraio a quelli della media Anna Frank di via Carnia  a Varese.

La “Blu box” non è altro che una cassetta  blu, il colore della polizia, dove imbucare eventuali segnalazioni, anche anonime, suggerimenti o richieste di aiuto da parte dei ragazzi, per “fare rete insieme” contro gli atti di bullismo o di altre situazioni tipiche dell’età adolescenziale.

L’obiettivo è quello di stabilire un contatto di fiducia con le potenziali vittime o amici delle vittime, affinché non rimangano inerti osservatori.

In ottemperanza alle disposizioni del Ministero dell’Interno, Dipartimento della Pubblica Sicurezza, questa campagna di informazione si avvarrà di una postazione mobile, ossia il Camper della Polizia di Stato, già noto per il Progetto “Questo non è amore”, per combattere la violenza sulle donne.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 20 gennaio 2018
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore