Scontro frontale in via Labiena, morto un uomo

Scontro tra due auto poco dopo le 8 in via Labiena. Sul posto Vigili del fuoco, Croce rossa e Carabinieri

Grave incidente stradale questa mattina in via Labiena, a Laveno Mombello, sulla strada provinciale 394 (foto dell’incidente di Monica Mattana).

Galleria fotografica

Incidente a Laveno, 11 gennaio 4 di 10

Poco dopo le 8 due auto – un’Audi e una Fiat Panda –  si sono scontrate e il guidatore della Panda è morto: si chiamava Giannetto Corriuolo, 67 anni, residente a Laveno Mombello. Ferita la donna alla guida dell’Audi che viaggiava in direzione di Cittiglio, la Panda invece viaggiava nella direzione opposta.

Sul posto hanno operando i Vigili del fuoco di Ispra, i soccorritori della Croce Rossa di Luino con il supporto dell’elisoccorso proveniente da Milano, atterrato su un prato in località Pradaccio che ha poi trasportato la donna al volente dell’Audi all’Ospedale di Legnano. La donna è fuori pericolo di vita.

Sul posto, per i rilievi dell’incidente, gli agenti della Polizia locale di Laveno Mombello con il supporto dei colleghi della Polizia Locale del Verbano.

La strada provinciale 394 è stata chiusa al traffico dal cimitero di Cittiglio fino all’incrocio con via Labiena e si sono create lunghe code, con disagi sulla circolazione di tutta la zona.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 11 gennaio 2018
Leggi i commenti

Galleria fotografica

Incidente a Laveno, 11 gennaio 4 di 10

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Felice

    Troppe schegge impazzite sulle strade e troppi morti.
    Qualcuno al ministero dei trasporti e nelle forze dell’ordine si vuole dare una bella svegliata o andiamo avanti con la solita carneficina?
    Le forze dell’ordine sono troppo occupate a scortare la tifoseria allo stadio?