Come si è arrivati alla candidatura di Fontana

In quattro giorni il centrodestra è passato da Roberto Maroni, candidato naturale per la Regione, all'ex sindaco Attilio Fontana. Ecco cosa è successo

centrodestra

La notizia bomba è arrivata dopo il vertice di domenica 7 gennaio ad Arcore dove Silvio Berlusconi, Matteo Salvini e Giorgia Meloni si sono incontrati per definire la strategia del centrodestra in vista delle elezioni del 4 marzo.

In quell’occasione i tre leader hanno ufficializzato la composizione della coalizione a quattro con Forza Italia, Lega, Fratelli d’Italia e quarto Polo ma, soprattutto, sono trapelate le prime notizie sul fatto che Roberto Maroni, Governatore uscente e candidato naturale per la corsa elettorale in Lombardia, non si sarebbe ricandidato.

All’indomani lo stesso Maroni ha convocato una conferenza stampa a Palazzo Lombardia a Milano per spiegare la sua decisione. In quell’occasione Maroni ha detto: «non mi ricandido», «non chiedo niente alla politica», «da domani cambio vita ma la mia storia con la politica non finisce qui. So cosa vuol dire governare» e, infine, «sono a disposizione se c’è bisogno». Lo stesso Maroni ha spiegato anche di aver concordato la sua scelta con ampio anticipo insieme a Matteo Salvini e Silvio Berlusconi.

Tutti elementi che hanno fatto pensare alla preparazione per un suo impegno di governo nazionale.

Sempre lunedì 8 gennaio i membri del Consiglio Nazionale della Lega Lombarda hanno ufficializzato che il candidato proposto dal partito per la corsa alle elezioni regionali sarebbe stato Attilio Fontana, ex sindaco di Varese LEGGI CHI E’ ATTILIO FONTANA.

Sembrava tutto definito dalla coalizione ma il giorno seguente Silvio Berlusconi, leader di forza Italia, e Matteo Salvini, leader della Lega, in alcune interviste sembravano aver rimesso in discussione tutto. Salvini e Berlusconi hanno detto che non c’erano posti di governo a Roma per Maroni e il leader forzista ha detto che non era certa la candidatura di Attilio Fontana e che doveva essere confrontata sondaggi alla mano con altri. Il nome che circolava era quello dell’ex ministro dell’istruzione Mariastella Gelmini.

Il via libera per Attilio Fontana è arrivato, invece, a poche ore di distanza attraverso un’intervista radiofonica a Radio Anch’io a Silvio Berlusconi che mercoledì mattina 10 gennaio lo ha indicato come candidato: «credo che sarà Fontana, i sondaggi depongono bene per lui, è stimato, conosciuto ed affidabile. Può dare alla Lombardia un buon governo».

A pochissimi minuti di distanza la macchina della campagna elettorale si è mossa. Attilio Fontana comincerà la sua corsa alle regionali da Varese. LEGGI TUTTI GLI APPUNTAMENTI

di tomaso.bassani@varesenews.it
Pubblicato il 10 gennaio 2018
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore