Sospensione o licenziamento, per Buffardeci il Comune si muove con prudenza

La comandante, condannata in appello, è ancora sospesa. "Ma così siamo bloccati, abbiamo un solo agente"

casorate sempione municipio

Il Comune ha la comandante condannata in appello. E ora? Si ripropone un “classico” dilemma delle vicende giudiziarie che riguardano dipendenti pubblici: è legittimo il licenziamento, dopo il secondo grado?

«La dipendente risulta ancora sospesa, dobbiamo valutare come muoverci» dice l’avvocato Valentina Verga, legale di Casorate. «Valuteremo un interpello a Ministero del Lavoro»

«Risolvere il dubbio, qui, infatti è necessario. Il Comune è in sofferenza d’organico, il vigile è uno solo, la mancanza del comandante è un problema per l’istituzione ma anche per i cittadini».

«È una difficoltà effettiva» aggiunge il sindaco Dimitri Cassani. Un dipendente  – oltre alla comandante – in questo momento non è disponibile. «Al di là di difficoltà di oggi, anche con due agenti rimane la difficoltà: se si ammalasse un dipendente, rimarremmo comunque scoperti. Il nostro problema rimane la riorganizzazione del personale».

 

di roberto.morandi@varesenews.it
Pubblicato il 11 gennaio 2018
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore