Sostegno alle iniziative delle associazioni? “Solo se in linea con la politica culturale dell’assessorato”

Polemica per una lettera inviata dall’assessore ai diversi attori culturali lunensi: “Siamo stupiti, lavoriamo senza tornaconto personale per il bene della città”

Il sole bacia luino

Troppa estemporaneità nel dare vita alle iniziative culturali della città: è necessario pianificare. E comunque non tutto ciò che le associazioni culturali proporranno verrà sostenuto dal Comune, ma solo le” iniziative coerenti con le linee di politica culturale dell’assessorato stesso”. Non a tutti è andata giù la lettera dell’assessore alla cultura Piermarcello Castelli che nei giorni scorsi è stata inviata alle associazioni di Luino.
Un attento commentatore della vita politica della città, e già presidente del Consiuglio comunale di Luino, Alessandro Franzetti ha portato nei giorni scorsi alla luce il problema, scrivendo ai giornali e manifestando con un suo intervento tutto il disappunto per la scelta dell’amministrazione, contenuta nella lettera che di seguito pubblichiamo, assieme alla missiva inviata dall’assessore alle associazioni (ac).

La lettera di Alessandro Franzetti
Come vicepresidente degli Amici del Liceo di Luino ho ricevuto una lettera dell’assessore alla Cultura del Comune di Luino Piermarcello Castelli per la richiesta del programma delle iniziative 2018 della nostra associazioni.
La lettera era indirizzata alle associazioni luinesi.
I toni e in contenuti della lettera hanno lasciato basiti me e altri operatori culturali della città, che operano da volontari da anni per la Cultura a Luino, in maniera indefessa, senza alcun tornaconto personale e con il solo obiettivo di rendere migliore la nostra bella Luino.
Questa lettera personalmente mi rincresce molto, perché opero in questo campo da volontario dal 2002.
Chiedo al signor sindaco di Luino Andrea Pellicini, ma lei era a conoscenza di questa lettera? Ne condivide i toni e il contenuto? Cosa pensa dell’ultima frase dell’assessore Castelli “..si precisa che l’Assessorato resterà comunque libero di sostenere, valorizzare e patrocinare (soltanto) quelle iniziative coerenti con le linee di politica culturale dell’assessorato stesso”?Anche secondo lei le associazioni, come afferma Castelli nella lettera,  hanno “l’attitudine a presentare proposte estemporanee”?
Lei che è un autentico liberale e come i membri della sua famiglia un vero uomo di Cultura, caro sindaco, condivide modi e finalità di questa lettera?Cosa ne pensa dell’invio di questa lettera in questo momento in cui lei forse si candida per ruoli importanti in Regione o Parlamento e quindi come nostro sindaco avrebbe bisogno del sostegno di tutta la comunità luinese e in particolar modo delle associazioni?
Io a differenza sua, caro sindaco, non faccio più parte delle istituzioni e lascio ad altri chiedere le dimissioni dell’assessore Castelli per questo fatto così serio, ma da cittadino che crede nella cultura e opera per la promozione di Luino rimango davvero triste e dispiaciuto.

Alessandro Franzetti

Già presidente del Consiglio Comunale di Luino

____________________

La lettera di Piermarcello Castelli (del 10 gennaio 2018)
Egregio Presidente,
è precisa volontà dell’Assessorato puntare ad una pianificazione organica e strutturata delle varie iniziative e manifestazioni, in modo da poter presentare e offrire una proposta culturale e ricreativa, struttura ed organica, compatibile con gli spazi pubblici disponibili e, se possibile, distribuita in modo equilibrato lungo l’intero anno. Tutto ciò consentirebbe di evitare le varie problematiche affrontate in passato per poter inserire eventi organizzati e proposti all’ultimo momento.
L’attitudine delle varie Associazioni a presentare proposte estemporanee, in qualsiasi momento dell’anno, è incompatibile con l’obiettivo sopra esposto, oltre a rendere alquanto difficile il soddisfacimento e il sostegno di gran parte di esse.
E’ importante, quindi, che ci facciate pervenire, con cortese urgenza, il programma generale delle vostre iniziative relativo al 2018.
Confidando in una sollecita risposta, si precisa che l’Assessorato resterà comunque libero di sostenere, valorizzare e patrocinare (soltanto) quelle iniziative coerenti con le linee di politica culturale dell’assessorato stesso.

L’assessore alla Cultura e all’Istruzione
Piermarcello Castelli

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 16 gennaio 2018
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore