Strade al buio, si cerca una soluzione

Le lamentele arrivano da quasi tutti quartieri: i lampioni di molte vie dalla città si sono spenti. E la soluzione non sembra essere dietro l'angolo

lampioni

I lampioni della città di Varese sembrano essersi dati un appuntamento: negli ultimi giorni ampi tratti della città si sono ritrovati al buio, e i lettori di Varesenews ci hanno segnalato quella che sembra una vera e propria “mappa delle strade al buio”.

Le lamentele arrivano da quasi tutti quartieri: da viale Belforte come da via saggi, da Nino Bixio a Giubiano a via mulini Grassi: tra le vie al buio si registrano via Mulini Grassi, via Oriani e via Astico, Via Pirandello, via Borghi dall’Esselunga di Masnago alla LIDL, l’ultimo tratto di via Saffi (dai carabinieri alla Galileo Galilei), via Micca, via Nino Bixio dalla scuola Parini al semaforo di largo Flaiano, via Guercino, via Marzorati e viale Belforte.

La soluzione non sembra, tra l’altro, troppo a portata di mano. «Abbiamo ricevuto anche noi molte segnalazioni – spiegano dal Comune – E purtroppo la soluzione, quando si ritrovano al buio intere vie o intere parti di via, non è quella di sostituire qualche lampadina. Stiamo cercando di farlo dove si può e dove è urgentissimo, ma purtroppo qui è necessario un lavoro più di sistema: si tratta infatti di vecchi impianti, che hanno bisogno innanzitutto di essere sostituiti, con una spesa consistente. E in questo senso stiamo procedendo».

L’amministrazione ha annunciato inoltre una conferenza stampa nei prossimi giorni: lo scopo è spiegare più nel dettaglio il perché si è giunti a questa situazione e quali sono, nei particolari, i piani del Comune.

di stefania.radman@varesenews.it
Pubblicato il 12 gennaio 2018
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da carlo196

    Non riesco a capire, fino a tre/quattro mesi fa quando telefonavo allo 0332255252 (segnalazione guasti illuminazione pubblica) per segnalare i lampioni con le lampadine bruciate, nel giro al massimo di una settimana risolvevano il problema mentre ultimamente ho segnalato certi casi anche sette volte e dopo tre mesi non succede nulla.
    Possibile che tutto sia colpa dei vecchi impianti, che vecchi erano anche sei mesi fa, dove però le segnalazioni avevano una soluzione che ora non hanno?

    1. apetraccone
      Scritto da apetraccone

      Forse più semplicemente è scaduto il contratto con il Gestore della manutenzione e conduzione del servizio di illuminazione pubblica, o perché gli impianti sono stati riscattati dal comune e ora deve attivarsi con propri fondi per la riqualificazione degli impianti, cosa non proprio di poco conto. E la manutenzione ordinaria programmata è comunque da affidare a ditta specializzata, perché non bastano i tecnici e competenze nell’organico del Comune per soddisfare tutto il territorio. Insomma ci vogliono, soldi e appalti e quindi mesi di attesa prima che situazione si sblocchi…

  2. Scritto da mtn

    Quando non esisteva la Tasi (tassa sui servizi indivisibili di cui fa parte anche l’illuminazione pubblica) tutto funzionava, ora con una tassa in più non ci garantiscono il minimo indispensabile! Grazie Comune! Io per ora sono fortunata ad avere ancora la via illuminata ma chi abita nelle strade rimaste completamente al buio avrebbe diritto ad uno sgravio per il periodo di mancato servizio, come pure spetterebbe una riduzione a tutti i cittadini che transitando al buio rischiano l’incolumità

  3. Scritto da Lucazer71

    Via Bixio, dove c’è il parcheggio principale dell’Ospedale pediatrico Filippo del Ponte è completamente buia ormai da mesi!!!!!!!!! Siamo nel 2018!!! Semplicemente scandaloso e vergognoso.