Truffavano le assicurazioni: tre fermati in una carrozzeria ticinese

Tre fermi e 16 persone interrogate per un'inchiesta partita dalla denuncia di un'assicurazione. Nei guai due carrozzieri del Mendrisiotto e il loro capofficina italiano

Avarie

Truffavano le assicurazioni approfittando della loro attività di carrozzieri per intascare denaro.

Oggi il Ministero pubblico, la Polizia cantonale e la Polizia comunale di Mendrisio hanno effettuato una perquisizione in una carrozzeria del Mendrisiotto, nell’ambito di un procedimento penale avviato dopola segnalazione da parte di una compagnia assicurativa che ha permesso di accertare un importante raggiro.

Nell’ambito dell’operazione sono stati effettuati tre fermi. Si tratta di un 58enne e di un 55enne entrambi cittadini svizzeri e titolari di una carrozzeria con attività a Mendrisio, e del capofficina 41enne cittadino italiano.

Oltre ai tre fermi, sono state interrogate 16 persone, e c’è il sospetto che quello denunciato non sia l’unico caso. Ulteriori accertamenti saranno infatti eseguiti nelle prossime settimane, considerato che gli atti dell’indagine hanno evidenziato numerosi altri casi sospetti.

L’inchiesta è coordinata dalla Procuratrice pubblica Raffaella Rigamonti e condotta dalla Polizia cantonale del Commissariato di Chiasso.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 23 gennaio 2018
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore