Un inizio 2018 caldo per la Pro Patria

Domenica si ripartirà con la trasferta di Lecco, poi lo scontro allo “Speroni” contro il Rezzato

pro patria

Il rigido clima atmosferico di questo gennaio 2018 si scontrerà in casa Pro Patria con un inizio anno davvero molto caldo. I tigrotti avranno due gare, una dopo l’altra, allo stesso tempo difficili e importanti per la classifica, per rimanere al comando del Girone B di Serie D. Prima il Lecco, gara sentita non solo in campo, ma anche sulle tribune, subito dopo il Rezzato, che nel mercato di dicembre ha speso ancora per rafforzare ulteriormente una rosa già ricca di talento.

LECCO – PRO PATRIA

Domenica 7 gennaio ore 14.30 stadio “Rigamonti-Ceppi”, Lecco

Un inizio campionato difficile. Tanti cambi, anche in panchina con mister Alessio Delpiano prima esonerato, poi richiamato, e una amalgama che sembrava non riuscire a formarsi. Invece il Lecco ha chiuso il 2017 con tre vittorie di fila, compresa quella di alta classifica contro il Rezzato (2-1 al Rigamonti-Ceppi) e dall’ottava giornata in poi, dati alla mano, è stata la squadra che ha fatto più punti di tutti nel raggruppamento: 26 contro i 25 della Pro Patria e i 24 del Darfo Boario. Nella gara di andata i tigrotti vinsero abbastanza agevolmente: 2-0 il risultato finale in una sfida che mise di fronte una squadra già rodata dall’anno scorso contro una in piena costruzione. Sfida nella sfida il confronto tra Mario Santana e Christian Bertani: 12 gol il primo, 11 il secondo, tanta esperienza e ancora più classe per due calciatori di categorie superiori. Inutile ricordare come Lecco – Pro Patria sia una sfida sentita non solo sul campo, ma anche sugli spalti. All’andata ci fu una restrizione a 100 biglietti per i tifosi lecchesi allo “Speroni”, chissà che un provvedimento simile non arrivi anche nelle prossime ore per la sfida sotto il Resegone.

PRO PATRIA – REZZATO

Domenica 14 gennaio ore 14.30 stadio “Speroni”, Busto Arsizio

Il Rezzato, dopo un’estate da re del calciomercato, sembrava dover essere la prima contendente per il primo posto per la Pro Patria. Qualcosa invece non è andato come ci si aspettava e la squadra bresciana si trova a inizio 2018 al quarto posto, staccata di 5 punti dai tigrotti. A dicembre altri importanti cambiamenti dal mercato, con ulteriori innesti di indubbia qualità per la categoria. Una rosa di grande valore, che è inciampata però più di una volta nella prima metà di campionato, perdendo terreno in classifica rispetto alla vetta. Il 2017 si è chiuso con una vittoria 3-1 sulla Romanese, ma la squadra affidata a mister Emanuele Filippini – dopo l’esonero del 23 ottobre di Andrea Quaresmini – in precedenza era caduta due volte in fila: prima sconfitta in casa 3-0 dal Darfo Boario, poi il ko di Lecco. All’andata, nel bresciano, fu 1-1 con la rete in apertura di Franchi e il pareggio di Santana.

Uscire indenni da questi due scontri di vertice potrebbe rafforzare la leadership della Pro Patria, non solo in classifica. Ritrovarsi ancora al comando del Girone B il prossimo 14 gennaio, magari con qualche punticino di margine, potrebbe instillare nei tigrotti quella confidenza necessaria per gustarsi un 2018 ricco di gioie.

di francesco.mazzoleni@varesenews.it
Pubblicato il 03 gennaio 2018
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore