“Basta odio. Bertuletti non può più essere sindaco del paese”

L'ex primo cittadino Alfonso Minonzio, dopo che tanti hanno preso le distanze, chiede "un ultimo gesto di buon senso" a Bertuletti

La nuova Piazza Galvanigi di Gazzada

L’ex sindaco di Gazzada Schianno Alfonso Minonzio torna sulle esternazioni del sindaco attuale del paese, Cristina Bertuletti, e sul successivo dibattito. Riceviamo e pubblichiamo

“Basta che un uomo odi un altro perché l’odio vada correndo per l’umanità intera” (Jean-Paul Sartre).

Comincia così una lettera di Cristina Bertuletti.
Che dire? Poteva esserci un autogol più clamoroso? Dovrebbe leggere e rileggere la frase con cui ha scelto di aprire la sua lettera per motivare un’uscita scellerata sul genocidio più vergognoso della storia, proprio nel giorno della ricorrenza.
Se per la signora Bertuletti il Giorno della Memoria altro non è che uno spunto per prendersela con i suoi avversari (politici e no), per me, ex amministratore del paese, e per i cittadini di Gazzada Schianno resta un momento di riflessione per non dimenticare mai fin dove l’odio può portare.

Un odio che la signora Bertuletti non teme di diffondere in ogni occasione. Lo fa su tutti i suoi profili social (mi dispiace, ma un amministratore deve mantenere un atteggiamento decoroso nel pubblico e nel privato: la forma è spesso anche sostanza) e lo fa spesso anche in eventi ufficiali. Come dimenticare che ha autorizzato, promosso e sostenuto, con il rischio di provocare reazioni anche violente, una manifestazione organizzata da DORA, la comunità neonazista, per opporsi alla presenza dei profughi nel nostro paese. Profughi che lei si ostina ad ignorare anche se il resto della comunità li ha accolti: le associazioni del paese (Caritas, Casa di Nando) e diversi cittadini a livello individuale, lavorano da tempo per riempire le giornate dei dieci stranieri ospitati e spingerli a condividere momenti di socialità.

Io ho fatto il sindaco a Gazzada Schianno per 14 anni e per 5 sono stato vicesindaco. Mia figlia, Benedetta Minonzio, milita nelle file dell’opposizione dell’attuale consiglio comunale. Ebbene, ho l’obbligo e il dovere morale di dire che Cristina Bertuletti non può più essere il sindaco di Gazzada Schianno. Non ci rappresenta più.
Le sue esternazioni, le sue azioni hanno leso l’onorabilità del paese. Non si era mai visto quel che è accaduto nelle ore successive alla pubblicazione dell’osceno post di Facebook: hanno preso le distanze dal primo cittadino la Lega (il partito di cui fa parte), tantissimi concittadini, alcuni rappresentanti della maggioranza consigliare, tutti i docenti delle scuole di Gazzada Schianno. Della sua infelice uscita hanno parlato i giornali locali e nazionali.

In quale altro modo dobbiamo farle capire che deve lasciare l’incarico che ricopre?
Noi, i cittadini ed io come ex sindaco del paese, ci aspetteremmo un ultimo gesto di buon senso. Potrà, da “libera” cittadina, esprimere le sue personalissime opinioni. Non può farlo ora, in questo modo volgare e oltraggioso. E’ a capo di una lista che raccoglie anche alcuni indipendenti eppure lei non fa mistero di simpatizzare per l’estrema destra: non erano questi “gli accordi” presi con chi l’ha votata.

Per concludere: non c’è alcuna persecuzione nei suoi confronti, signora Bertuletti, si fidi. Solo avremmo preferito che Gazzada Schianno fosse conosciuta al di fuori della provincia di Varese per ragioni più valide e nobili di un primo cittadino che spera nel ritorno di un duce “..più cattivo che mai!”” e la pena capitale per la
sindacalista Furlan (come da lei scritto tempo fa sulla sua pagina facebook).

 

Alfonso Minonzio

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 07 febbraio 2018
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Gianluca Ribolzi

    Caro Sig. Minonzio, capisco che per voi sinistrati la democrazia sia un concetto difficile da recepire, ma la Sindaca, DEMOCRATICAMENTE eletta dagli abitanti del paese, ben fa a rimanere al suo posto fino a fine mandato. E ben fa a dire senza peli sulla lingua quello che pensa. Sa com’è…noi di destra non dobbiamo render conto al comitato centrale del partito….
    Ah, e comunque Duce si scrive con la D maiuscola. Che le piaccia o no, è un titolo onorifico.

    1. apetraccone
      Scritto da apetraccone

      Certi che i fascisti per il momento sono solo materiale per film tragi-comici come quello ora nelle sale “Sono tornato”. Consiglio ai fascisti di andarlo a vedere così si rilassano, ridono e forse anche prendono qualche spunto di riflessione sugli errori del passato.
      Riporto uno stralcio di dialogo da una scena che fa riflettere:
      Dux: “…Sareste d’accordo su una dittatura?…”
      Intervistati: “Ma una dittatura libera però, una dittatura, non troppo dittatura….”
      Dux: “Un solo partito..”
      intervistati: “Massimo due…”
      Ecco in questo si riassume l’idealogia fascisti moderna… e cioè essere fascisti con gli altri, con chi non la pensa come loro, ma tra di loro… liberi, ignoranti e fancazzisti. Un fascista così da “dittatura… ma non troppo” l’avete già ed è stato almeno tre volte al Governo negli ultimi 20anni senza combinare un ca..o. Mr. Bunga Bunga.
      Fascisti così per me… possono andare a cag..re!

  2. gigi8462
    Scritto da gigi8462

    non stupisce che la signora resti al suo posto. Se la base che la sostiene ha lo stesso livello del commento del sig. Ribolzi, perchè mai se ne dovrebbe andare? Il problema non è solo la sindaca, volutamente con la minuscola, ma sono i suoi elettori .

Segnala Errore