I gitani di Isella Bellotti in mostra al Battistero di Velate

Sabato 24 febbraio alle 16.30 al Battistero di Velate si inaugura la nuova mostra della fotografa Isella Bellotti dedicata al mondo dei gitani e al suggestivo meridione francese

Avarie

Si inaugura sabato 24 febbraio alle 16.30 al Battistero di Velate a Varese, una mostra di un centinaio di fotografie, tra stampe di grande formato e videoproiezioni, dedicate al mondo dei gitani, che la fotografa Isella Bellotti ha esplorato nel suggestivo meridione francese.

L’esposizione resterà aperta nei giorni di venerdì (dalle ore 15 alle ore 18), di sabato e domenica (dalle ore 10 alle ore 18) sino a domenica 18 marzo, con un nutrito programma di eventi dedicati.

Grazie alla collaborazione con la Floricoltura Stocchetti i colori e i profumi del mondo gitano partecipano all’esposizione con un allestimento ispirato al “carro”, dimora del popolo nomade che dalla seconda metà dell’800 e per più di 70 anni ha percorso le strade d’Europa, e in versione più piccola veniva utilizzato per sbarcare il lunario.

La mostra, a cura di Carla Tocchetti, ha il patrocinio della Fondazione Comunitaria del Varesotto e del Festival internazionale di poesia di Milano, diretto da Milton Fernàndez.

Da quando ha cessato la sua attività lavorativa, Isella Bellotti ha concentrato tutto il suo tempo ed impegno nella fotografia, perfezionando la tecnica al fianco di alcuni insegnanti molto conosciuti nel varesotto: Marmino e Berestovoy. Pur non essendo una professionista le sue foto sono state selezionate più volte e pubblicate come copertina dalle testate quotidiane locali, e alcune hanno vinto anche concorsi nazionali.

Isella Bellotti racconta di avere mosso timidamente i primi passi sul web incoraggiata dagli amici di Luino Meteo, e successivamente diventando protagonista di Varesenews, la Prealpina e La Provincia di Varese. La notorietà è arrivata un po’ per gioco, postando le foto sui social, facendo di Isella Bellotti un delle fotografe più conosciute dell’alto Varesotto: «La mia è una fotografia prevalentemente naturalistica, adoro gli animali e in particolare uccelli, cavalli, orsi. Sono nata sul lago, a Luino, e porto con me anche nei viaggi più lontani l’amore per la natura e l’acqua. Per me fotografare significa emozionare ed emozionarmi, cogliere l’attimo e farlo rivivere a modo mio per sempre».

Dopo la sua prima personale nel 2016, “Orsi e altre storie del Grande Nord“, curata da Carla Tocchetti nelle Stanze medievali del Camponovo al Sacro Monte, Isella ha esposto” I colori del Nord” a Maccagno al “Punto di incontro” e recentemente ha collaborato con “Varese Land of Food” raccontando il territorio attraverso i suoi scatti e partecipando alla mostra fotografica “Metti un paesaggio nel piatto”.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 15 febbraio 2018
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.