Pala-Ghido-Ferri, tris d’assi del Varese

Prestazione nel complesso positiva per l'undici di Tresoldi. Il capitano comanda la difesa, il terzino spinge e difende. E il numero 20 va ancora in rete

Varese - Gozzano 1-1

BIZZI 5,5 – Ci resta qualche dubbio sul gol di Evan’s: ha attenuanti (Monacizzo che scivola, una selva di gambe davanti a sé) ma non abbozza l’intervento. Per il resto, è attento su un paio di uscite e su una deviazione di Messias.

Galleria fotografica

Varese - Gozzano 1-1 4 di 35

GHIDONI 7 – Almeno 70′ di livello assoluto. Cala solo un po’ alla distanza, quando Gaburro da quella parte mette il talento e l’esperienza di Lunardon e quando Capogna prova a partire dalla sinistra per colpire. Ma sono dettagli in un match che il terzino di scuola Juve gioca lancia in resta.

RUDI 6,5 – Ottima spalla per Ferri con cui forma l’unico asse d’esperienza della squadra. Nel finale ha ancora sprint per un paio di chiusure che danno fiato alla squadra.

FERRI 7 – Con Ghidoni è il nostro personale “MVP”: tiene a lungo gli attaccanti avversari lontano dall’area, è puntuale sui traversoni, comanda il reparto da capitano. Un paio di mezze sbavature nel finale che non incidono su una prova maiuscola.

ARCA 6,5 – Finisce stremato, dopo aver fatto tanto per limitare Messias, il giocatore avversario più temuto da Tresoldi. Porta a termine il compito nonostante non sia ancora al meglio sul piano fisico.
(Balconi s. v.)

MORAO 5,5 – Spostato all’esterno perde, forse, un po’ dell’impatto che sa dare in posizione di mediano. Utile ma non scintillante.

BATTISTELLO 6 – Non si sottrae alla battaglia nonostante avversari più esperti, tecnici e tutto sommato anche cattivi. Gli fanno male, si fa medicare, stringe i denti e prosegue permettendo a Tresoldi di guadagnare tempo prezioso.
(Muca 6 – Esordio in un momento complicato, tiene bene il campo).

MONACIZZO 6 – Non è ancora quello di prima dell’infortunio, anche se sta salendo di tono. Cerniera comunque indispensabile in mezzo al campo.

LERCARA 6 – Errore o sfortuna dopo un bel movimento (in occasione del palo colto su colpo di testa)? Nel dubbio evitiamo di gettargli addosso la croce, anche perché al di là di tutto quel gol se lo meriterebbe davvero. E poi gioca in modo giudizioso, anche fermato davanti alla porta (al 2′) da un arbitro che ne ha azzeccate poche.

PALAZZOLO 7 – Alla Maurizio Ganz: “El segna sémper lü”. Oggi il “Pala” va in rete con la più caparbia delle azioni: cavalcata dalla trequarti, assist ribattuto, palla ripresa e scaraventata in gol per un pareggio meritatissimo. Ma il pezzo più bello del repertorio è l’apertura per Ghidoni in occasione del palo di Lercara: un passaggio che gli altri non immaginano e che lui esegue.

DE CAROLIS 6 – Eletto a rivale… dall’arbitro Centi sembra davvero il bersaglio preferito del dischetto viterbese (forse per qualche protesta di troppo nei primi minuti). Continua a non trovare il radar del gol ma non gli si può imputare nulla sul piano dell’impegno.
(Filomeno 5 – Ha voglia di fare, finisce per strafare. Un tiraccio, un’ammonizione, una palla persa. Ma l’idea è quella giusta).

di damiano.franzetti@varesenews.it
Pubblicato il 21 febbraio 2018
Leggi i commenti

Galleria fotografica

Varese - Gozzano 1-1 4 di 35

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore