Varese#DoYouLake? Ecco la card che promuove siti, musei e antiche dimore

La cultura che attrae al centro della partecipazione varesina alla BIT 2018, fino a domani a FieraMilanoCity

E’ stata presentata questa mattina alla Bit 2018, la nuova card realizzata dalla Camera di Commercio nell’ambito del progetto Varese#doyoulake?, coinvolgendo e mettendo in rete gli attori del turismo culturale del territorio varesino.

La cultura che attrae è infatti al centro della partecipazione varesina alla Borsa Internazionale del Turismo in svolgimento fino a domani (martedì 13 febbraio) nei padiglioni di FieraMilanoCity.

La card – una vera e propria carta promozionale che punta a valorizzare e far scoprire siti, dimore e musei della Terra dei Laghi – è in distribuzione in anteprima proprio alla Bit, e sarà disponibile a breve.

La card garantisce sconti e agevolazioni  per far sì che la crescita costante degli arrivi turistici in provincia di Varese possa offrire a tutti i visitatori nuove e ulteriori occasioni per entrare in contatto con le eccellenze che caratterizzano il nostro territorio. Una crescita che ha visto gli arrivi passare dai 631mila del 2006 al milione e 303mila del 2016, in attesa dei dati definitivi dell’anno appena trascorso, che s’annunciano ulteriormente positivi.

Tra i primi a credere a quest’iniziativa di promozione turistico-culturale, il progetto Varese4U per la diffusione della conoscenza dei quattro siti Unesco (Sacro Monte, area palafitticola dell’Isolino Virginia, spazio paleontologico del Monte San Giorgio e insediamenti longobardi di Castelseprio e Torba) che fanno della nostra provincia un unicum in quella Lombardia che, già di per sé, è la regione italiana con più località Patrimonio dell’Umanità. Non solo, perché la sinergia nella promozione turistico-culturale s’allarga fin d’ora ai beni FAI: Villa e Collezione Panza a Varese, Villa Della Porta Bozzolo a Casalzuigno e lo stesso Monastero di Torba che è anche sito Unesco.

C’è inoltre l’importante adesione del museo MAGA di Gallarate e del Museo Fisogni di Tradate, (una realtà unica del suo genere in Europa che illustra la storia delle stazioni di rifornimento dei carburanti per veicoli a motore) così come quella dei musei del Sacro Monte, il Baroffio e ilmuseo del Santuario e la casa museo Pogliaghi.

Attiva, poi, fin d’ora la collaborazione con il Comune di Varese con i suoi musei, tra cui villa Mirabello e il castello di Masnago, e con altri attori pubblici e privati del settore turistico. Fra questi, l’Amministrazione Provinciale con l’eremo di Santa Caterina del Sasso.

«La Varese #DoYouLake? Card – ha detto il presidente della Camera di Commercio Fabio Lunghi – è un’altra iniziativa con cui il nostro ente si mette a disposizione del territorio con i suoi operatori. Anche in questo caso, come già in altri ambiti quali l’alternanza scuola/lavoro con il progetto Tourist Angels, vogliamo dare un contributo effettivo alla valorizzazione turistica di una provincia di Varese che, lo dimostrano gli ultimi dati, è sempre più attrattiva. La rete per ora delineata è naturalmente aperta a tutti gli attori del comparto turistico-culturale che vorranno dare un contributo concreto».

Alla conferenza stampa erano presenti anche l’assessore al turismo del Comune di Varese Francesca Strazzi; Giuliano Galli general manager dei beni Fai per le province di Como, Varese, Lecco e Sondrio; Massimiliano Serati della Liuc, che ha dedicato molti studi statistici al turismo in provincia di Varese, e Vareseweb in qualità di capofila del progetto Varese4U per la valorizzazione dei quattro siti Unesco della provincia di Varese.

All’incontro con la stampa ha partecipato anche una rappresentanza dei Tourist Angels, le giovani ed appassionate guide turistiche nate da un progetto di collaborazione con diverse scuole superiori della provincia di Varese, che nel pomeriggio hanno partecipato a Tourism Think Tank, un evento dedicato alla formazione per operatori della filiera turistica.

«Con la Card presentata oggi la Camera di Commercio fa un passo avanti rispetto alle diverse iniziative già avviate – ha concluso il presidente Fabio Lunghi – La collaborazione con la rete di attori varesini del turismo sta crescendo, e noi come ente siamo pronti, con tante idee e con le collaborazioni giuste per portarle avanti».

Card doyoulake

di
Pubblicato il 12 febbraio 2018
Leggi i commenti

Video

Varese#DoYouLake? Ecco la card che promuove siti, musei e antiche dimore 1 di 1

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Andreola Ezio

    Buon giorno,
    ho letto con piacere l’iniziativa di promozione del territorio varesino, con la nuova card Varese#Doyoulake, dove si pubblicizza il territorio ed i siti Unesco della provincia di Varese. E’ una iniziativa molto importante e per questo mi permetto di sottolineare che purtroppo è però di limitata visione.
    Come mi è già capitato in altre occasioni e per altre iniziative promosse da altre organizzazioni, molto spesso Varese si dimentica del territorio del basso varesotto, penalizzando così sia l’utente finale che le attività che potrebbero dare un significativo contributo.
    Faccio riferimento a ciò che è il parco del Ticino, alla importante Via Gaggio (riconosciuta sito Unesco) ed in particolare anche a Tornavento dove si possono ammirare delle bellezze naturali e paesaggistiche spettacolari e percorrere km sia a piedi che in bicicletta all’interno del Parco.
    Auspico che in futuro non ci sia più una discorso parziale e che si possa lavorare tutti insieme nell’interesse reciproco di esercenti, proprietari ed utenti finali.
    Grazie e buon lavoro, naturalmente sono a vostra disposizione per ulteriori informazioni.
    Saluti
    Ezio

    1. Alessandra Toni
      Scritto da Alessandra Toni

      Solo per precisazione: la valle del Ticino è un’area MAB (Man and Biosphere) http://www.unesco.it/it/RiserveBiosfera/Detail/97

Segnala Errore