Brunoldi, il veterinario che espugna fortezze

Esce il 15 marzo "La fortezza del castigo" il primo romanzo, di una trilogia edita da Newton Compton, del varesino Pierpaolo Brunoldi

Generico 2018

Pubblica gattini su Facebook ma non per fare incetta di like. Se c’è qualcosa che lo ha reso celebre sui social sono i suoi aforismi (tutti originali)  che tracciano pennellate breve e precise dell’uomo, dei suoi vizi e delle sue virtù. Pierpaolo Brunoldi è per un cinquanta per cento veterinario e cinquanta per cento scrittore.
Esce domani, giovedì 15 marzo, il  suo romanzo, primo di una trilogia, edito da Newton Compton: “La fortezza del castigo” ( di Pierpaolo Brunoldi, Antonio Santoro).

LA TRAMA

1266. Francia, convento di Mantes. L’inquisitore Marcus attende nell’ombra l’arrivo di un frate. È deciso a strappargli a ogni costo la verità su un libro segreto che minaccia di scuotere le fondamenta della Chiesa…
1214. Italia, Altopascio, dimora dei Cavalieri del Tau. Il francescano Bonaventura da Iseo, esperto nelle arti alchemiche, apprende con sgomento la notizia della scomparsa del suo mentore, Francesco d’Assisi, e riceve, dalle mani grondanti sangue di un confratello, un misterioso manoscritto che dovrà custodire anche a costo della propria vita. Determinato a trovare e liberare Francesco, Bonaventura decide di mettersi in viaggio: tra bui conventi e infidi manieri, scoprirà che il maestro aveva con sé l’unica reliquia in grado di sconfiggere le forze del male e impedire l’avvento dell’Anticristo. Sulle tracce del frate d’Assisi, il monaco e i suoi compagni di avventura arriveranno fino alla rocca maledetta di Montségur, fortezza inespugnabile degli eretici catari…

L’appuntamento per conoscere l’autore e ascoltare la presentazione del libro è per sabato 24 marzo alle 18 alla Feltrinelli di Corso Moro 3 a Varese.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 14 marzo 2018
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore