“Quanto ci costano i disagi del Pronto Soccorso?”

Lettera aperta al direttore generale dell'ASST Settelaghi Bravi di Fabrizio Mirabelli, consigliere comunale a Varese

pronto soccorso

Riceviamo e pubblichiamo la lettera aperta al direttore generale dell’ASST Settelaghi che Fabrizio Mirabelli, consigliere comunale a Varese, ha scritto dopo la lettura della lettera pubblicata da Varesenews sul pronto Soccorso

Egregio Direttore Generale dell’Ospedale di Circolo-Fondazione Macchi, dott. Bravi,

al Pronto Soccorso continuano a verificarsi vergognosi disagi. Come sempre successo, con regolarità, dall’inaugurazione del monoblocco, costato più di 120 milioni di euro, avvenuta più di dieci anni fa. Ciò avviene nonostante l’eroico impegno, riconosciuto da tutti, del personale medico e paramedico, costretto a lavorare, in prima linea, in condizioni indegne di una città europea. Ormai è evidente che si tratta di un problema di gestione.

Lei che, tra le altre cose, dovrebbe garantire un funzionamento del Pronto Soccorso efficiente e conforme alle salate tasse che paghiamo noi cittadini cosa ha fatto e cosa sta facendo per risolvere questa problematica che, in barba a tutte le promesse che sono state fatte, non è stata mai risolta?  Cosa ha fatto e cosa sta facendo Regione Lombardia, da cui dipende, in massima parte, la nostra sanità?

Sarebbe interessante saperlo, perché è veramente intollerabile che quando i cittadini usufruiscono di una prestazione sanitaria ricevano, poi, a casa, una lettera con cui li si informa di quanto siano costati alla collettività, mentre nessuno si assuma mai la responsabilità dei malfunzionamenti della sanità.  Quanto costano alla collettività questi reiterati disagi?

Rimanendo in fiduciosa attesa di una Sua cortese risposta, colgo l’occasione per inviarLe i miei più cordiali saluti.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 26 marzo 2018
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore