Banco Bpm, il cammino storico per la finale di Len Cup

Da Ferencvaros a Ferencvaros, la strada dei Mastini verso la finale di ritorno in programma mercoledì 18 aprile

banco bpm sport management 2017 2018

La Pallanuoto Banco BPM Sport Management sta vivendo in questi giorni l’emozione di partecipare a una finale europea: un sogno diventato realtà che culminerà il prossimo 18 aprile alle ore 19.00, quando la squadra del presidente Sergio Tosi giocherà in casa, nella piscina Manara di Busto Arsizio, la sfida di ritorno della Len Euro Cup contro la storica formazione ungherese del Ferencvaros Budapest.

Il match d’andata disputato in Ungheria sabato scorso, 31 marzo, si è chiuso con uno stop per 9-8 della rappresentativa italiana che ora avrà la missione di ribaltare in casa quella sconfitta per provare a conquistare la sua prima coppa europea.

Per la rappresentativa di origini veronesi questa è la prima finale della storia, un percorso iniziato nel 1987 e che ha visto la squadra bruciare le tappe verso l’olimpo della pallanuoto italiana e internazionale, grazie anche all’accordo di sponsorizzazione con il Banco BPM che dal 2013 è title sponsor della Pallanuoto Sport Management.

La stagione 2017-2018 dei Mastini era iniziata lo scorso 29 agosto con ambizioni importanti dopo la campagna acquisti estiva, voluta dal presidente di Sport Management Sergio Tosi, che ha ringiovanito la squadra e contemporaneamente ha rinforzato il roster, affidato alle cure del confermato mister Marco Baldineti (che nel 1975 ad appena 15 anni era in vasca a Milano per partecipare, da giocatore, all’allora finale di Coppa delle Coppe proprio contro il Ferencvaros) che, insieme al general manager Gianni Averaimo, ha costruito una squadra da sogno.

L’organico attuale fonda le sue basi sui giocatori confermati della scorsa stagione: Dejan Lazovic, Giuseppe Valentino, Cristiano Mirarchi, Antonio Petkovic, Valentino Gallo, Stefano Luongo e Romain Blary. Agli atleti che già l’anno passato avevano indossato la calottina della Pallanuoto Banco BPM Sport Management quest’anno si affiancano sette nuovi compagni. Dal mercato la scorsa estate sono arrivati dei big come il capitano dell’Italia Pietro Figlioli, gli altri azzurri Andrea Fondelli e Gianmarco Nicosia, i giovani attaccanti Edoardo Di Somma e Federico Panerai, il centroboa Fabio Baraldi e il nazionale serbo Radomir Drasovic.

Con questo roster stellare la Pallanuoto Banco BPM Sport Management ha iniziato la sua avventura nella coppa europea, un percorso partito lo scorso settembre proprio contro il Ferencvaros Budapest, attuale rivale nella finale e squadra già incontrata nel primo turno preliminare dai Mastini.

pallanuoto banco bpm sport management

In quell’occasione entrambe le compagini passarono il turno (nello scontro diretto vinsero 11-9 gli ungheresi) per poi proseguire la loro corsa verso la finale. La seconda tappa di questo cammino europeo si era chiusa allo stesso modo: con la Pallanuoto Banco BPM Sport Management vittoriosa nel proprio girone del secondo gruppo di qualificazione, disputato in Francia ad Aix-En-Provence e con il Ferencvaros che aveva fatto lo stesso con tre vittorie su tre nel gruppo D giocato a Budapest.

Nei quarti di finale i mastini avevano superato nel doppio confronto la Stella Rossa Belgrado mentre gli ungheresi si erano imposti nella sfida contro il Sintez Kazan. Nelle recenti semifinali la Pallanuoto Banco BPM Sport Management aveva avuto la meglio sui francesi del Marsiglia mentre nel derby ungherese contro il Miskolc era stato il Ferencvaros a vincere.

Ora dunque questa doppia sfida che il prossimo 18 aprile alle ore 19.00, a Busto Arsizio, davanti alle telecamere di SportItalia assegnerà la Len Euro Cup 2018. La speranza del presidente Sergio Tosi e quella di tutti i componenti e i tifosi della Pallanuoto Banco BPM Sport Management è che ad alzare il trofeo possano essere i Mastini.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 06 aprile 2018
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore