“Chiedo scusa a tutti. Ho sbagliato e ora devo pagare”

Con la voce rotta, l'ex segretaria, accusata di essersi intascata i soldi dei pazienti della clinica di Velate, racconta il suo dolore per un gesto fatto per disperazione

dentista

«Chiedo scusa a tutti. Non passo giorno senza pensare a come rimediare al danno che ho procurato a tante persone»

Ha la voce rotta dal pianto l’ex segretaria dell’odontostomatologia dell’ospedale di Velate. Racconta il suo dramma dopo aver letto su Varesenews le testimonianze di quanti si erano affidati a lei per avere le cure necessarie a sistemare i propri denti: « È stato un momento di disperazione. Ho lavorato quasi 40 anni per l’azienda ospedaliera e non ho mai avuto un richiamo o rimprovero. È stata una pazzia e ora pago le conseguenze. È giusto che paghi, lo voglio fare, ma vorrei che tutti sapessero che non sono una cattiva persona. Ho agito solo per disperazione, in un momento della mia vita davvero difficile. Avevo bisogno di denaro per gravi problemi famigliari. Ma restituirò tutto, troverò il modo per ridare fino all’ultimo centesimo».

Da quel 9 febbraio, per la  segretaria è iniziato un profondo tormento interiore: «Ho tradito la fiducia di quanti mi conoscevano e si erano affidati a me. Con alcuni utenti avevo anche instaurato un rapporto di amicizia: molti sapevano il dramma che stavo vivendo e mi stavano vicino. Chiedo scusa ai pazienti, ai medici, all’intero reparto e a quell’ospedale che mi ha accolta per tutta la mia vita lavorativa. Vorrei telefonare a tutti, chieder loro perdono, ma non mi è concesso avere i recapiti. Finché sarà in corso l’indagine, non posso fare nulla, né avere contatti, né restituire i soldi. Solo quando saranno finiti i controlli si vedrà la cifra e mi diranno cosa potrò fare».

L’indagine farà il suo corso si arriverà al processo in un’aula di tribunale. Per la donna, però, la condanna è già iniziata.

di
Pubblicato il 10 aprile 2018
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore