Dai circoli all’assemblea nazionale, il Pd si discute anche in provincia

Gli scossoni più forti sono arrivati al Partito Democratico dal voto nazionale ma non è solo a Roma che si discute sul da farsi

assemblea partito democratico varese

Gli scossoni più forti sono arrivati al Partito Democratico dal voto nazionale ma non è solo a Roma che si discute sul da farsi.

Il risultato del 4 marzo ha provocato conseguenze che da subito hanno spinto il partito ad interrogarsi fin dalla sua base. E così è stato anche in provincia di Varese dove per i militanti Dem si sono già svolti due appuntamenti importanti.

L’input è partito dalla direzione nazionale Pd che si è riunito lo scorso 12 marzo per prendere atto delle dimissioni di Renzi e confermare la reggenza al vicesegretario Maurizio Martina. Da lì la palla della discussione è passata ai territori per ripercorrere tutta la filiera e tornare al livello nazionale del partito in tempo per l’assemblea.

I punti di riferimento di questo percorso in Provincia di Varese sono il varesino Alessandro Alfieri, che guida il partito a livello regionale, e Samuele Astuti, sindaco di Malnate, Segretario provinciale e neo eletto consigliere regionale a palazzo Pirelli.

Proprio il segretario provinciale ha dato indicazione ai circoli di tutta la provincia di riunirsi con tre obiettivi: l’analisi del voto, le prospettive nazionali e quelle del partito. Ognuno di loro ha poi portato le proprie riflessioni all’assemblea provinciale che si è svolta sabato 7 aprile.

Il messaggio, che ora passerà al livello regionale, è quello di una contrarietà ad accordi di Governo con Lega e Movimenti 5 Stelle ma anche un’analisi della crisi della sinistra in Italia e in Europa dove il partito non ha saputo interpretare l’esigenza di protezione dei più deboli.

Il prossimo appuntamento è ora quello regionale. L’assemblea lombarda del Pd si riunirà sabato 14 aprile dove la direzione è affidata ad Alessandro Alfieri, eletto lo scorso 4 marzo senatore della Repubblica.

In vista di quella scadenza il partito sta provando ad allargare il più possibile la discussione grazie ad una nuova iniziativa online. Sul proprio sito internet è stata aperta una sezione specifica per rivolgere una domanda:

Governo, cosa dovrebbe fare il PD? A pochi giorni dal secondo round di consultazioni al Quirinale, quale posizione dovrebbe assumere il Partito Democratico nei confronti degli altri schieramenti e riguardo alla formazione del nuovo Governo?

Il cammino della discussione interna al partito approderà infine all’appuntamento dell’assemblea nazione di sabato 21 aprile a Roma. In quell’occasione i mille delegati dell’assemblea nazionale saranno chiamati a decidere il percorso del partito. Le opzioni, da Statuto, sono due: l’assemblea elegge un segretario in carica fino alla scadenza naturale del mandato (che sarà nel 2021) oppure decide di sciogliersi e anticipare così il congresso dem.

di tomaso.bassani@varesenews.it
Pubblicato il 10 aprile 2018
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore