Varese News

Educazione, 680.000 euro per azioni dedicate ai bimbi da zero a 6 anni

Al via ‘Primi Passi’, il progetto del Comune di Milano per combattere la povertà educativa. Selezionato dall’impresa sociale Con i Bambini, è finanziato grazie a un Fondo dedicato alla prima infanzia

Avarie

Contrastare la povertà educativa nel Municipio 2 è l’obiettivo principale di ‘Primi Passi’. Polo sperimentale per la prima Infanzia’, il progetto dell’assessorato all’Educazione del Comune di Milano selezionato dall’impresa sociale Con i Bambini e finanziato con 680.000 euro del Fondo nazionale per il contrasto della povertà educativa minorile.

Il progetto si rivolge alle famiglie con figli da 0 a 6 anni che vivono situazioni di disagio e coinvolge già più di 700 bambini che frequentano i Servizi all’Infanzia del Comune, attraverso diverse tipologie di azioni: alcune già messe in campo (come l’intervento di pedagogisti nelle scuole, i laboratori di psicomotricità sul territorio e lo sportello di accompagnamento ai servizi sociosanitari) e altre che saranno avviate da settembre con l’obiettivo di raggiungere oltre 900 nuclei familiari che ad oggi non accedono ai servizi.

In concreto il progetto ‘Primi Passi’ vuole favorire il miglioramento della fruizione dei Servizi all’Infanzia per tutti i bambini, la conoscenza e l’accesso ai servizi anche da parte delle fasce più deboli, il potenziamento di contesti e stimoli rivolti ai bimbi da 0 a 6 anni dentro e fuori da scuola, l’acquisizione di competenze durevoli nei genitori (relazionali, di rete, educative, sanitarie), azioni di risposta a bisogni di socialità, aggregazione, inclusione, l’implementazione della rete di cura, della prevenzione sociale e sanitaria e della mediazione culturale, la partecipazione attiva dei genitori nella scuola e sul territorio.

Una serie di azioni, dunque, per rispondere ai bisogni concreti di una realtà come quella delle periferie del Municipio 2 di Milano in cui sono alti i livelli di disoccupazione e povertà e, di conseguenza, è alto anche il mancato accesso ai servizi educativi da parte dei bambini delle famiglie più fragili. La povertà economica e la povertà educativa, infatti, si alimentano reciprocamente e sono il più delle volte causa l’una dell’altra in un circolo vizioso difficile da bloccare. Per incidere in modo significativo sulle situazioni di disagio molto elevate occorre, dunque, creare le premesse per interrompere questo ciclo, rimuovendo gli ostacoli principali che impediscono la piena fruizione dei processi educativi.

Obiettivo ultimo che il progetto sperimentale si propone è la creazione di una rete solida e propositiva di tutte le realtà che stanno partecipando, istituzionali e non, che sappia poi lavorare in modo sinergico e costante per poter replicare in altri territori della Città metropolitana di Milano.

Capofila di ‘Primi Passi’ è il Comune di Milano, con partner ATS e realtà del Terzo Settore profondamente radicate e conosciute sul territorio del Municipio 2: COMIN, Amici del Parco Trotter, Casa della Carità, Progetto Integrazione, Tempo per l’Infanzia, Villa Pallavicini. Il monitoraggio delle azioni e della costruzione di strumenti è affidato a Codici Ricerche; mentre la valutazione d’impatto verrà effettuata dall’Università Cattolica.

Il progetto è stato selezionato da Con i Bambini nell’ambito del Fondo per il contrasto della povertà educativa minorile. Il Fondo nasce da un’intesa tra le Fondazioni di origine bancaria rappresentate da Acri, il Forum Nazionale del Terzo Settore e il Governo. Sostiene interventi finalizzati a rimuovere gli ostacoli di natura economica, sociale e culturale che impediscono la piena fruizione dei processi educativi da parte dei minori. Per attuare i programmi del Fondo, a giugno 2016, è nata l’impresa sociale Con i Bambini, organizzazione senza scopo di lucro interamente partecipata dalla Fondazione CON IL SUD www.conibambini.org

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 10 aprile 2018
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore