Emozioni, individualità e finanza: se ne parla al Caffè Letterario

Una serata tra economia, psicologia e giochi per capire cosa succede nella nostra mente quanto ci avviciniamo a concetti come rischio e rendimento, in finanza e nella vita quotidiana. Appuntamento giovedì sera

money transfert

“Il peggior nemico dell’investitore è con ogni probabilità l’investitore stesso”, diceva Benjamin Graham. Perché quando si tratta di soldi ci affidiamo all’intuito? E perché quasi sempre sbagliamo?. Proprio per questo Caffè Letterario organizza una serata tra economia, psicologia e giochi per capire cosa succede nella nostra mente quanto ci avviciniamo a concetti come rischio e rendimento, in finanza e nella vita quotidiana.

L’appuntamento è per giovedì 19 aprile dalle 21 alla Libreria Ubik di Busto Arsizio, in piazza San Giovanni 5. Nel corso della serata, Giordano Martinelli, vice presidente di AcomeA SGR, traendo spunto dalla finanza comportamentale, illustrerà come difendere le proprie finanze da sé stessi e dagli altri: le regole di buon senso da seguire, le principali trappole dei mercati finanziari e i pericolosi meccanismi che scattano nella mente degli investitori, dai professionisti ai risparmiatori.

Tutti ci occupiamo dei nostri risparmi ma spesso non abbastanza o in modo sbagliato. Sappiamo che guadagnare e risparmiare sono attività indispensabili e anche investire dovrebbe essere considerato un mezzo utile e necessario per raggiungere i nostri obiettivi, dall’acquistare casa a integrare la pensione, passando per crescere i propri figli e avere una maggiore tranquillità. Ma avvicinarci al mondo degli investimenti, spesso ci sembra difficile e ci spaventa. D’altra parte però, una parte di noi è attratta dalla finanza e dalle notizie che parlano di rally di borsa e guadagni da capogiro.

Così, nelle scelte di investimento, ci facciamo guidare dalle emozioni: avidità ed euforia si alternano a paura e panico. E le emozioni portano a decisioni che quasi sempre si rivelano sbagliate. Ma possiamo affrontare tutto questo cogliendo le opportunità che si presentano senza farci travolgere dagli eventi? La risposta è affermativa, perché in realtà gli investimenti non sono riservati a pochi, esperti e ricchi: tutti possono prendersi cura dei propri soldi, con semplicità e senza la necessità di possedere particolari competenze tecniche.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 17 aprile 2018
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore