Eterno Mauro Miele: a 62 anni corona il sogno Mondiale

L'esperto pilota sarà al via del Tour de Corse, 4a gara iridata dell'anno, con una Citroen Ds3 Wrc. Il figlio Simone racconta come è nata l'avventura

Rally dei Laghi PS1 - di Maurizio Borserini

Il Mondiale rally 2018 è arrivato alla quarta gara della stagione, il Tour de Corse, in programma – lo dice il nome: in Corsica – tra venerdì 6 e domenica 8 aprile. Una prova storica – è giunta alla 61a edizione – che vedrà al via tutti i migliori piloti in attività compreso Sebastien Loeb, che ormai è impegnato solo una tantum nel massimo campionato internazionale.

Al via del Tour, con una vettura Wrc, ci sarà eccezionalmente anche un pilota del Varesotto, e non uno qualunque. Con la Citroen Ds3 numero 81 infatti, è atteso alla partenza Mauro Miele, 62 anni, figura iconica degli sport motoristici di casa nostra. Grande motociclista off-road in gioventù, Miele ha poi ottenuto parecchi successi anche nei rally automobilistici, soprattutto al volante della Bmw M3. Negli anni d’oro della carriera però, Mauro non è mai riuscito a prendere parte a una gara del Mondiale assoluto, un sogno che però non ha mai abbandonato.

«Compiuti i 60 però ha iniziato a progettare l’esordio iridato» racconta il figlio Simone, che fa parte della “leva” dei giovani varesini capaci oggi di fare risultato a livello nazionale. «Nel 2017 ci abbiamo provato senza però trovare il modo di partecipare a gare Mondiali, principalmente per ragioni di budget. Da settembre però mio papà ha messo nel mirino il Tour de Corse iniziando sia la preparazione fisica e atletica, sia quella sul percorso attraverso i video. Il contatto con uno sponsor importante, il marchio giapponese Kiwa Jet, ha permesso di superare l’ultimo scoglio, quello finanziario, e adesso ci siamo».

Rally dei Laghi, la premiazione
Mauro abbraccia il figlio Simone all’arrivo del Rally dei Laghi 2018 / foto Gernetti-VN

Inizialmente Miele avrebbe dovuto utilizzare la Ford Fiesta Wrc, gestita direttamente dalla DreamOne Racing, il team di famiglia. Poi però la scelta è caduta sull’altra vettura di casa, la Citroen Ds3, sia perché meno impegnativa da condurre (dal punto di vista fisico), sia perché il team PH Racing (quello da cui proviene la macchina, strettamente collegato alla casa madre Citroen) ha garantito parte dell’assistenza.

«L’obiettivo vero è quello di arrivare al traguardo senza ricorrere al “Super Rally” (la regola per cui si può proseguire, con forti penalità, se ci si ritira in una delle tappe intermedie), perché ovviamente non possiamo avere velleità di alta classifica, per tanti motivi» racconta Simone. «L’importante è coronare questo sogno, per di più in una gara durissima, fatta di prove spesso molto lunghe che spesso non concedono un minuto di respiro».

Miele senior comunque, sotto il profilo sportivo, arriva in Corsica forte del terzo posto assoluto al Rally dei Laghi, portato a termine con buon piglio nonostante le pessime condizioni atmosferiche che hanno causato il ritiro di tanti piloti di primo piano. A Varese, Miele ha gareggiato con Luca Beltrame, il navigatore alessandrino che sarà con lui in abitacolo anche in Corsica. Un’accoppiata che ha dimostrato un ottimo affiatamento e che ora è pronta a vivere un sogno.

di damiano.franzetti@varesenews.it
Pubblicato il 04 aprile 2018
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore