La demenza, 4 incontri per approfondire a La Provvidenza

Il tema sarà trattato sia negli aspetti clinici che per ciò che riguarda le terapie farmacologiche,non farmacologiche e occupazionali

istituto la provvidenza

La demenza, la malattia che ruba la mente, sarà al centro di una serie di incontri rivolti anche a tutta la cittadinanza oltre che naturalmente ai parenti degli ospiti e ai volontari de La Provvidenza

L’Istituto La Provvidenza ONLUS, nell’ambito del Progetto di Comunicazione, ha organizzato una serie di incontri dal titolo “La malattia che ruba la mente”, incontri aperti al personale dipendente, ai familiari degli ospiti, ai volontari, ai cittadini di Busto Arsizio e a tutti coloro che sono interessati all’argomento oggetto degli incontri che si terranno nei 4 giovedì del mese di aprile, dalle ore 18:00 alle ore 20:00,all’interno della Sala Filodrammatica dell’Istituto.

Il tema trattato sarà quello della demenza, sia per quanto riguarda gli aspetti clinici che per ciò che riguarda le terapie farmacologiche, le terapie non farmacologiche e le terapie occupazionali.

L’occasione è davvero importante perché ci permetterà di affrontare tematiche delicate accompagnati da esperti, interni ed esterni alla struttura, che hanno alle spalle molti anni di esperienza sui temi affrontati e che si sono resi disponibili a titolo gratuito in un’ottica di servizio e collaborazione a favore della comunità.  Programma – La malattia che ruba la mente

La partecipazione agli incontri è libera e gratuita.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 04 aprile 2018
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore