La vetrata della sede leghista è stata presa a sassate

Atto vandalico? Atto intimidatorio? I militanti hanno sporto denuncia alle forze di polizia. Il sindaco Bellaria condanna il gesto: "auspico che i responsabili siano prontamente individuati"

vetrata rotta lega somma lombardo

Atto vandalico? Atto intimidatorio? La sezione leghista di Somma Lombardo si sta interrogando su quanto accaduto alla vetrata della loro sede di via Binaghi a Mezzana, colpita e danneggiata da alcuni sassi.

È accaduto nella serata di giovedì 12 aprile, quando tra l’altro era in programma una riunione ad oggetto la videosorveglianza con un’altra sezione leghista.

«Mi chiedo – dice il segretario Alberto Barcaro -, è possibile che in questa società si debba arrivare ad essere controllati 24h su 24h per sperare di non incorrere in atti di violenza, furti, rapine o atti vandalici? L’operato della Lega a livello nazionale e a livello locale sta alimentando il proliferare di questi incivili che con questi atteggiamenti si vogliono mettere in contrapposizione a chi vuole far rispettare le leggi e le norme pur avendo visioni politiche differenti?»

I militanti hanno sporto regolare denuncia alle forze di polizia: «non nascondiamo una certa preoccupazione a livello locale in quanto i furti sono in continuo aumento e, per quanto ci riguarda, ogni volta che facciamo la festa abbiamo sempre sorprese con furti ed atti vandalici – dice Barcaro, che aggiunge – Abbiamo visto anche ultimamente cosa hanno fatto i centri sociali, abbiamo anche avuto visione di un insegnante che partecipava attivamente a queste manifestazioni,organizzate solo per distruggere! Non voglio assolutamente fare considerazioni che possano essere fraintese, ma se chi deve insegnare ai nostri figli i principi della vita e delle regole tra le altre cose,si permette di manifestare ed aggredire “uomini dello stato”, sinceramente siamo una società che ha dei grossi problemi».

Immediata è arrivata anche la condanna dell’accaduto da parte del sindaco di centrosinistra Stefano Bellaria che ha detto: «ai Segretari Cittadino e Provinciale e a tutti i militanti, va la piena solidarietà mia e dell’amministrazione Sommese. Il dialogo ed il confronto civile e democratico sono gli unici strumenti dell’azione politica. Auspico che i responsabili siano prontamente individuati, così da poter rispondere delle loro vigliacche azioni».

di tomaso.bassani@varesenews.it
Pubblicato il 13 aprile 2018
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore