L’agricoltura dietro casa, con gli orti urbani

In paese si parte con 21 appezzamenti, che saranno inaugurati sabato con la consegna delle chiavi agli affittuari

Oggiona con Santo Stefano generiche

Anche Oggiona con Santo Stefano scommette sugli orti urbani: saranno inaugurati sabato 7 aprile i nuovi spazi per la coltivazione, affidati ai cittadini che ne hanno fatto richiesta.

Oggiona con Santo Stefano è un paese che non ha più molti legami con l’agricoltura, visto che negli anni Sessanta-Settanta è diventata una realtà soprattutto industriale e artigianale. Eppure anche qui è bello riscoprire un po’ di legame con la terra: i nuovi orti urbani sono stati realizzati su una striscia di terreno in via Firenze, zona residenziale di Santo Stefano. 

Oggiona con Santo Stefano generiche

«Sono ventuno spazi da 4,5 per 10 metri, assegnati tramite sorteggio a che ne ha fatto richiesta» spiega il consigliere comunale Mattia Malpeli, che ha seguito il progetto insieme a Daniele Milani, delegato ai lavori pubblici. «Siamo riusciti ad accontentare tutti, sono rimasti un paio di orti ma è già arrivata qualche ulteriore domanda». C’è un rubinetto dell’acqua e una casetta per gli attrezzi, oltre a un tavolino per chi vuole “socializzare” in quel contesto. L’inaugurazione di sabato prevede il taglio nastro, la consegna delle chiavi del cancellato d’ingresso agli affittuari, la benedizione e un rinfresco offerto dalla sezione degli alpini di Oggiona con Santo Stefano.

 

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 06 aprile 2018
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore