L’arte marziale e la legittima difesa, se ne parla ai Molini Marzoli

Primo di una serie di eventi organizzati in occasione dei 40 anni della polisportiva Budokan dove migliaia di bustocchi hanno imparato le discipline orientali

40 anni budokan gigi farioli giorgio gazich

La Polisportiva Budokan di Busto Arsizio compie 40 anni di attività con il maestro Giorgio Gazich (cintura nera 7° dan di karate) che ha cresciuto e allenato migliaia di bustocchi che hanno imparato da lui le arti marziali.

Per festeggiare degnamente questo importante anniversario sono stati programmati una serie di appuntamenti pubblici con il patrocinio dell’amministrazione comunale e in particolare dell’assessorato allo Sport guidato da Gigi Farioli che questa mattina, giovedì, ha voluto sottolineare l’importanza del lavoro svolto dal maestro Gazich in città:«Abbiamo voluto essere vicini al Budokan per l’alto valore sociale ed educativo di questo sport e per le ripercussioni positive che ha sui cittadini» – ha sottolineato Farioli.

Il primo appuntamento, introdotto da Alessio Scanu (allievo di Gazich e responsabile operativo della Hs-security) e dalla dottoressa in scienze criminologiche per la sicurezza Federica Raspini, dedicato alla difesa abitativa. Venerdì 13 aprile, infatti, la sala Tramogge dei Molini Marzoli ospiterà un convegno dedicato alla prevenzione e alla sicurezza nelle proprie mura domesiche. Il tema sarà affrontato sia dal punto di vista fisico e mentale (e degli influssi positivi sulle scelte della conoscenza della filosofia delle arti marziali) che da quello giuridico (con l’avvocato Iacopo Maria Savi che illustrerà le novità della legge sulla legittima difesa) che dal punto di vista criminologico con la professoressa Raspini.

Cos’è la difesa abitativa

Il tema della difesa abitativa apre in generale appassionati e concitati dibattiti sulla materia del diritto e sull’abilità della politica di tutelare il cittadino, accompagnati da tutto il corollario delle proprie sacrosante ragioni. In testa il pezzo forte sulla legittimità (propria e non del diritto) di poter, anzi di dover avere la facoltà di utilizzare un’arma.

Tutto ciò rappresenta un grosso rischio, in particolar modo se giunge ad essere protagonista all’interno di scenari che, al contrario, dovrebbero fornire strumenti validi e oggettivi affinché sia reso noto e chiaro cosa è e, di contro, cosa non è possibile fare in termini di difesa abitativa. Rappresenta un rischio (oltre al fatto che restano discussioni fini a loro stesse) perché molto spesso sono gli stessi esperti che giungono proprio là dove non ci si deve spingere, quasi sempre al fine di compiacere l’uditore: quale arma utilizzare, come utilizzarla…
Fare informazione e formazione su questo tema significa per l’HS (www.hs-security.com), in primo luogo, porsi nella maniera più oggettiva possibile di fronte alla legge, ovvero conoscere ciò da cui non possiamo prescindere, che piaccia o meno, faticoso o meno che sia. Questo atto è il presupposto dal quale partire, proprio perché, attorno ai dettami legislativi, dobbiamo costruire la nostra sicurezza abitativa.

L’incontro approfondirà, con esempi pratici, come ognuno possa, a seconda delle differenti variabili, “costruire” tutta una serie di azioni e misure, che possano essere innanzitutto strumenti validi per la prevenzione, ma anche validi per creare e gestire il proprio piano d’azione nel momento in cui si verifica una minaccia.

Il 2018 del Budokan

Tutto il 2018 di Budokan (www.budokan.it) sarà costellato di iniziative all’insegna dello sport, della formazione, dell’arte e della cultura, della sicurezza, gli ambiti nei quali la società sportiva fondata dal maestro giorgio gazich, 7° dan, ha operato sino ad oggi, con uno sguardo particolare agli aspetti formativi, sociali e culturali dello sport ed in particolare dell’arte marziale.

Ecco le iniziative programmate:

13 aprile 2018, alle ore 21.00, alla sala tramogge dei molini marzoli:
Conferenza sulla difesa abitativa – prevenzione e sicurezza
In collaborazione con gli addetti alla sicurezza in ambito privato e pubblico (forze dell’ordine, hs security, operatori del settore);

22 aprile 2018, dalle 9.00 alle 18.00, Palaferrini:
Gare di karate aperte alle società sportive di karate della regione lombardia:
XXXI Coppa città Busto Arsizio , dedicata ai bambini e ai ragazzi under 14;
XXVII Trofeo città di Busto Arsizio, dedicato agli agonisti cinture marroni e nere;

1° dicembre 2018, dalle 10.00 alle 19.00, Palayamamay:
Gara nazionale di karate “50° Coppa Shotokan”, il prestigioso appuntamento di fine anno sportivo organizzato in collaborazione con l’istituto Shotokan Italia;

Il 2 dicembre 2018:
Stage nazionale di karate organizzato in collaborazione con l’istituto Shotokanitalia che vedrà la partecipazione del maestro hiroshi shirai, 10° dan, massimo punto di riferimento del karate oggi a livello internazionale e nazionale.

In concomitanza con questi due ultimi eventi sarà allestita una mostra di arte e cultura giapponese in collaborazione con l’istituto giapponese di cultura e con artisti di fama internazionale come il pittore shuehi matsuyama.

Da calendarizzare, mesi si ottobre/novembre:

Seminario sul karate come disciplina educativa e formativa, quale utile supporto alle attività di formazione al rispetto delle regole nelle scuole dell’obbligo, che intendiamo organizzare in collaborazione con l’ufficio scolastico provinciale, i dirigenti scolastici e gli operatori sportivi impegnati nell’insegnamento dell’arte marziale.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 12 aprile 2018
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore