Le “strade di Alfredo Binda” si aprono agli appassionati di “randonnée”

Domenica 22 aprile a Cittiglio ci sarà la terza edizione della pedalata "senza classifiche" dedicata al campionissimo locale

presentazione randonnée sulle strade di alfredo binda

C’è un modo di vivere la bicicletta – e celebrarne luoghi e personaggi – che in Italia ha finora poche radici ma che nei Paesi del Nord (Belgio e Olanda su tutti, ma anche la Francia) attrae migliaia di appassionati a ogni manifestazione.

Si tratta del randonnée: pedalare senza classifiche e senza orari precisi di partenza e arrivo, per il piacere di sfruttare la propria bici, le proprie gambe, e di godersi amici e paesaggi. Una pratica che da noi ha trovato terreno fertile con l’organizzazione della gallaratese Cicli Turri e che da tre anni tiene anche viva la memoria del campionissimo varesino per antonomasia, Alfredo Binda, tre volte iridato su strada e cinque volte vincitore del Giro.

Domenica 22 aprile quindi, torna la “Sulle strade di Alfredo Binda”, con partenza e arrivo a Cittiglio – laddove il mitico corridore nacque nel 1902 – grazie all’organizzazione del Gruppo Sportivo Contini e di un drappello di appassionati coordinati dal giornalista Sergio Gianoli, al quale è toccato il compito di presentare ufficialmente l’evento nelle sale della Camera di Commercio di Varese. La giornata ha avuto il benestare della famiglia Binda che parteciperà alla manifestazione.

«Il termine randonnée in francese significa all’incirca gita, il pedalare in un certo lasso di tempo senza l’assillo di una classifica. Ci piacerebbe – spiega Gianoli – portare anche da noi questa cultura che raduna tanta gente al Nord (all’ultimo evento organizzato in occasione del Giro delle Fiandre hanno pedalato 16mila persone, alla prossima Amstel Gold Race saranno in 27mila…) e che tra l’altro serve a ricordare un campione come Binda. I percorsi che abbiamo disegnato permettono di toccare diversi luoghi simbolo del ciclismo varesotto ma anche a portare i partecipanti davanti a paesaggi splendidi e poco conosciuti. Quest’anno al via della nostra manifestazione ci saranno 200 persone o poco più, però stiamo pensando a come rendere le “strade di Binda” percorsi stabili, che possano attrarre turisti dall’Italia e dall’estero». 

mostra museo alfredo binda centro commerciale belforte
Il mitico Binda in azione

In questo senso va letta anche la “benedizione” arrivata dalla Varese Sport Commission, il progetto della Camera di Commercio che lavora all’affluenza turistica collegata alle manifestazioni sportive. Campo in cui il ciclismo, sotto le sue forme (dalle gare “pro” come la Tre Valli o il Trofeo Binda alle gran fondo, fino agli appuntamenti giovanili e cicloturistici) è molto attivo.

ORARI E PERCORSI

La “Sulle strade di Alfredo Binda” di svolgerà domenica 22 aprile e avrà come cuore organizzativo il ristorante-albergo “La Bussola” di Cittiglio. Le operazioni preliminari inizieranno sabato (sarà possibile anche iscriversi) mentre alla mattina della pedalata il ritrovo sarà aperto dalle 7,30. La partenza “alla francese” (quindi libera, senza un vero start) sarà possibile tra le 8,30 e le 9,30 (chi parteciperà alla “ciclostorica” prenderà il via dalle 9). Gli arrivi sono previsti dalle 12,30 in avanti.

Il percorso comprende tre tracciati di diversa lunghezza: il primo tratto di circa 50 chilometri ricalca quello solitamente utilizzato per la “Pedala con i campioni” dell’8 dicembre e prevede come unica salita quella del Brinzio – da Rancio Valcuvia alla Motta Rossa – di circa 8,6 chilometri, sulla quale proprio Binda costruì una storica vittoria al Giro di Lombardia del 1929.
Al termine di questo giro, chi vorrà, potrà proseguire il percorso sul secondo tratto che andrà a toccare i vari laghi della zona (Cittiglio, Laveno, Luino, Marchirolo, Cunardo, Brezzo di Bedero, Brinzio, Cittiglio) per un totale di 109 chilometri.
A questo punto i più allenati potranno proseguire per il terzo e ultimo tratto che comprende il Cuvignone, la salita su cui Binda – che abitava nella casa di famiglia situata proprio all’inizio dell’ascesa – testava la sua condizione atletica. Si sale appunto da Cittiglio per scendere da Arcumeggia in un anello di ulteriori 30 chilometri.

Gli iscritti alla “Sulle strade di Alfredo Binda” dovranno essere tesserati per un ente ciclistico oppure potranno avere un tesserino giornaliero producendo però il certificato di una visita medico-sportiva valida. Tutti riceveranno un pacco gara con i gadget previsti dall’organizzazione, potranno visitare il Museo Binda – guide d’eccezione i fratelli Simonetta – e partecipare al “pasta party” di fine pedalata alla Bussola.

La prova si inserisce nel circuito denominato “3 Rando Varesine” che comprende anche la “Varese Van Vlaanderen”, appena disputata, e quella autunnale delle “Foglie Morte” organizzata dalla Cicli Turri. A coordinare il tutto ci sarà come detto il G.S. Contini di Monvalle del presidente Vincenzo Tolomeo, forte di oltre 40 anni di attività, affiancato dalla stessa “Turri”, dal progetto “Ciclovarese” e dalla “Funtos Bike” di Verbania. Le informazioni sono disponibili al sito ufficiale (QUI) della manifestazione.

di damiano.franzetti@varesenews.it
Pubblicato il 12 aprile 2018
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore