Origgio: 130 posti di lavoro a rischio, presidio in largo Boccioni

Sciopero e presidio stamattina in Largo Boccioni dove una quarantina di dipendenti di una cooperativa che si occupa di confezionamento e movimentazione merci all'interno di un'azienda di logistica si sono ritrovate senza lavoro

Origgio: 130 posti di lavoro a rischio, presidio in largo Boccioni

Sciopero e presidio stamattina in Largo Boccioni dove una quarantina di dipendenti di una cooperativa che si occupa di confezionamento e movimentazione merci all’interno di un’azienda di logistica si sono ritrovate senza lavoro.

“Ieri abbiamo lavorato normalmente – spiegano le dipendenti del primo turno – quando stamattina siamo arrivate per iniziare il turno i budge erano disattivate e non ci hanno fatto entrare”.

Solo in tarda mattinata l’informativa dell’azienda di logistica di aver perso una grossa commessa di dover rinunciare al personale. Sul posto anche i sindacato Si Cobas che ha chiesto ed ottenuto un incontro per domani pomeriggio alle 16 con tutte le parti sociali. Al momento le lavoratrici, il licenziamento riguarda 130 persone, si sono dette intenzionate a proseguire il presidio fino a domani. Dentro al plesso produttivo hanno sede anche altre realtà e dipendenti e mezzi sono stati fatti passare. Bloccati solo quelli dell’azienda logistica. Sul posto anche i carabinieri della compagnia di Saronno.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 04 aprile 2018
Leggi i commenti

Foto

Origgio: 130 posti di lavoro a rischio, presidio in largo Boccioni 3 di 4

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore