Pasta, fagioli, salsicce e tanto cinema, al via Cortisonici 2018

Menù "alla Bud Spencer" per la prima serata del festival del cortometraggio varesino che continua fino al 7 aprile. Stasera il secondo round del Focus sul cinema da combattimento

Cortisonici 2018, la serata dell'inaugurazione

Si è tenuta ieri sera, martedì 3 aprile, l’inaugurazione di Cortisonici. Il festival del cortometraggio ha aperto i battenti al teatro Santuccio con il tradizionale aperitivo e un omaggio a Bud Spencer.

Galleria fotografica

Cortisonici 2018, la serata dell'inaugurazione 4 di 6

Presenti alle serata il Presidente di Regione Lombardia Attilio Fontana, il Sindaco di Varese Davide Galimberti, l’assessore Dino De Simone, l’assessore Andrea Civati e l’assessore Roberto Cecchi. Lo stile “alla Bud”, come promesso c’era tutto: dall’apprezzato menu pasta-fagioli e salsicce, all’atteso docu-film “Lo chiamavano Bud Spencer – Sie Nannten Ihn Spencer” del giovane regista tedesco Karl-Martin Pold.

Ospite che è salito sul palco con Massimo Lazzaroni e Guglielmo Attemi per introdurre il film, spiegando: «Dovete sapere che Bud Spencer e Terence Hill sono molto più conosciuti in Germania e Austria che in Italia. Otto anni fa ho scritto la tesi su Bud, ho fatto un trailer, l’ho messo su youtube: subito in tantissimi mi hanno scritto, da tutto il mondo, per chiedermi quando arrivasse il film. A quel punto mi son chiesto se fosse il caso di iniziare un lavoro da 40 ore a settimana o se non valesse la pena riportare Bud Spencer al cinema! Ho scelto la seconda opzione e ho deciso di fare un documentario. Da subito c’e’ stato un grandissimo supporto dai fans. Ma non volevo fare un documentario classico, piuttosto un film come quelli di Bud, una cosa divertente, raccontando quello che lui significava per la gente. Finchè non ho incontrato i due protagonisti del documentario: incredibili. Non sono due attori ma persone che parlano veramente con frasi “alla Bud Spencer” e che hanno realmente tanti aneddoti».

Il festival continua fino a sabato 7 aprile, ecco tutto il programma. 

IL PROGRAMMA DI STASERA 

Questa sera mercoledì 4 aprile, al Teatro Santuccio, si prosegue con la seconda giornata del Festival Cortisonici, con il secondo round del Focus sul cinema da combattimento. Si inizia alle 19.30 aperitivo da combattimento, mentre alle 20.45 incontro con Nanni Cobretti, vera autorità in materia, demiurgo, redattore e grande timoniere della rivista cinematografica “ i400calci”, vincitore da anni del Macchianera Award per il Miglior Sito di Cinema.

Cobretti introdurrà la proiezione del lungometraggio “Undisputed 4 – Il ritorno di Boyka, regia di Todor Chapkanov (USA-Bulgaria – 2017 – durata 90 minuti), pietra angolare del cinema di arti marziali all’occidentale, e presenterà il Manuale di Cinema da Combattimento.

A seguire, sarà presente Soo Cole attrice, stunt e produttrice, marzialista che da anni pratica il kung-fu Shaolin,: Soo Cole è la mente e il cuore del Fighting Spirit Film Festival di Londra, festival che nasce a Londra nel 2016 con l’intento di sostenere, promuovere e valorizzare i professionisti e gli atleti che coniugano arti marziali e cinema d’azione, con una formula che alterna alle proiezioni dimostrazioni di combattimento dal vivo. A Varese Soo Cole presenterà una selezione dei migliori cortometraggi dell’edizione 2017 del festival londinese: un’occasione decisamente unica per il pubblico varesino!

Cortisonici 2018, la serata dell'inaugurazione

E cresce l’attesa per un’altro degli appuntamenti più attesi del festival: l’incontro con il cast di “Un posto al sole”, la più longeva serie televisiva italiana che, prodotta da Rai Fiction, da oltre vent’anni riesce a raccontare con un linguaggio leggero, e mai superficiale, temi di grande attualità sociale e civile, come la camorra, la corruzione, l’usura, la violenza sulle donne: temi che vengono ben collocati nelle trame della fiction, in modo tale da riuscire a lanciare un messaggio al pubblico che segue le storie dei personaggi con affetto da tanti anni.

La collaborazione tra il Festival varesino Cortisonici e Un posto al sole nasce nell’ambito di Tutta un’altra storia, progetto realizzato con la supervisione scientifica di Libera Associazione contro le Mafie e promosso dal Comune di Varese con il contributo di Regione Lombardia, e incentrato su temi come l’educazione alla legalità, i racconti delle vittime di mafia, l’impegno contro la criminalità organizzata.

Temi che il Festival Cortisonici affronta in due appuntamenti nella giornata di venerdì 6 aprile: la mattina, a partire dalle 9.30, al Cinema Nuovo verranno proiettati i dieci cortometraggi selezionati per il concorso della sezione Cortisonici Ragazzi. Mentre alle 18.00, presso la Sala Montanari, arriveranno alcuni dei protagonisti di Un posto al sole: saranno presenti l’attore Michelangelo Tommaso, nella serie televisiva nel ruolo di Filippo Sartori, e lo sceneggiatore e storyliner Raffaele Napoli.

L’incontro, dal titolo Mafie, racket e usura in prima serata TV, sarà moderato da Massimo Scaglioni, docente dell’Università Cattolica e collaboratore del Corriere della Sera. Incontro gratuito aperto a tutti.

Per informazioni sul programma del festival: www.cortisonici.org.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 04 aprile 2018
Leggi i commenti

Galleria fotografica

Cortisonici 2018, la serata dell'inaugurazione 4 di 6

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore