Riparte la trattativa per il “casermone”

Ministero della Difesa, Demanio e Comune da mesi cercano un accordo. Nei prossimi giorni il sindaco Cassani sarà di nuovo a Roma

casermone II 2° deposito centrale Gallarate

A fine 2017 il più sembrava fatto: l’accordo sul “casermone” di viale Milano sembrava a portata di mano, destinato a portare al Comune nuovi edifici per le esigenze della città.

A distanza di quasi cinque mesi la trattativa riparte, ma le certezze sembrano un po’ appannate: la valutazione delle aree e dei fabbricati proposta al Comune non convincerebbe del tutto l’amministrazione.

La prossima data in cui ci si ritroverà intorno a un tavolo è vicina: giovedì 26 aprile Ministero della Difesa, Demanio e Comune si troveranno nuovamente nella sede del dicastero della Difesa, a Roma, in via XX settembre 123.

Nei mesi scorsi si era parlato di un passaggio al Comune di circa un terzo dell’area, corrispondente agli  edifici di casermaggio e di servizio, che per l’ente territoriale avrebbe significato avere edifici più o meno adatti ad essere riutilizzati per altre esigenze.

Il “casermone” dell’Aeronautica passerà alla città

Il sindaco Andrea Cassani mette un po’ in disparte la fiducia dei mesi scorsi e usa prudenza: «Alle condizioni attuali non ci staremmo», dice. Anche se ancora ha la speranza che si trovi un accordo «che garantisca un guadagno per tutti».

di roberto.morandi@varesenews.it
Pubblicato il 23 aprile 2018
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da GMT

    La vera questione non è se e quando (e a quanto) passerà nelle disponibilità dell’Amministrazione, ma se e quando (e a quanto) passerà nelle disponibilità dei Gallaratesi, ovvero l’uso delle strutture dismesse serviranno a …
    Molte possono essere le ipotesi.
    Personalmente, resto fedele all’impiego per accasermare un presidio interforze PL, CC, GdF, Protezione Civile, CRI, … che sinergicamente potrebbero meglio operare sull’area di Gallarate, Busto, Cassano, Samarate, Malpensa, …

Segnala Errore