Sabato viene inaugurato un nuovo museo dedicato alla bici

È il Museo Ciclostorico Palazzi in via San Giovanni Bosco, che vi avevamo presentato in anteprima

La storia della bicicletta raccontata attraverso cinquantatré bici di pregio, compresa una decina di esemplari ottocenteschi: è il Museo Ciclostorico Palazzi, che vi abbiamo presentato in anteprima (qui) con un video.

L’inaugurazione è fissata sabato 14 aprile, alle 11.00. L’inaugurazione è a ingresso limitato, il museo sarà poi accessibile nel pomeriggio di sabato e da lì in avanti prendendo appuntamento attraverso i contatti disponibili sul sito.

Il museo ciclostorico Palazzi si trova in via San Giovanni Bosco 4, nel centro pedonale di Gallarate (parcheggi: via Novara, piazza Garibaldi. Parcheggio interrato: Seprio Park, via Bonomi).

“Il Museo Ciclostorico Palazzi nasce dalla passione di Claudio Palazzi, condivisa e supportata dalla moglie Carla Vanoli, che hanno deciso di condividere e rendere accessibile parte della loro collezione di velocipedi e biciclette da corsa e militari datate tra il 1865 e il 1955. La collezione Palazzi, attualmente composta da circa ottanta esemplari dettagliatamente catalogati e schedati, raccoglie non solo le biciclette antiche, ma anche numerosi cimeli quali magliette, fotografie, documenti, autografi e libri dedicati al ciclismo e alla sua storia che possono costituire fonti per ulteriori studi ed approfondimenti. La scelta di realizzare il Museo Ciclostorico Palazzi è maturata anche grazie all’opportunità di disporre di una sede consona alle caratteristiche della collezione, in quanto situata nel cuore del centro storico di Gallarate in un palazzo risalente alla prima metà del secolo XIX e recentemente ristrutturato, che conserva nel suo cortile interno le fattezze architettoniche della classica “corte di ringhiera lombarda” di fine Settecento”.

di roberto.morandi@varesenews.it
Pubblicato il 09 aprile 2018
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore