“Sbagliato colpevolizzare il Palio di Legnano per la morte del cavallo”

Il gotha della manifestazione legnanese difende gli elevati standard di sicurezza del palio: "Quanto avvenuto al centro ippico non è di nostra competenza"

La finale e la festa di legnarello al palio di legnano

Il gotha del Palio di Legnano scende in campo per difenderlo dagli attacchi di questi giorni, a seguito della morte di Polveroso, uno dei cavalli che hanno partecipato alle corse a pelo di Borsano che si svolgono ogni anno e dalle quali emergono poi i cavalli che correranno la tradizionale giostra legnanese.

Il Presidente della Famiglia Legnanese Gianfranco Bononi, il Supremo Magistrato, nonchè sindaco della città Gianbattista Fratus e il Gran Maestro del Collegio dei Capitani e delle Contrade Alberto Oldrini replicano alle polemiche con una nota.

Diversi mezzi d’informazione hanno collegato direttamente al Palio di Legnano il grave incidente, non prevedibile e non imputabile a responsabilità sommarie, avvenuto in un centro ippico sabato 7 aprile.

Tale connubio getta una luce negativa su una manifestazione notoriamente allestita garantendo i massimi livelli di sicurezza e salute per cavalli e fantini, con impegno e investimenti costanti. Sforzi efficaci, dal momento che da anni non si registrano incidenti durante la competizione, a eccezione di qualche caduta di fantini senza conseguenze.

Fantini e cavalli impegnati sabato scorso partecipano al Palio di Legnano ma anche a numerose altre manifestazioni e allenamenti, indipendenti le une dagli altri, in piste diverse e in altre regioni. La sottolineatura non vuole essere un atto pilatesco di fronte a un episodio che ha preoccupato e addolorato tutti coloro che amano i cavalli e le corse ippiche, inclusi quanti hanno a cuore il Palio di Legnano, ma un modo per ricostruire correttamente il contesto in cui si sono svolti i fatti.

Primo fra i palii italiani a istituire una commissione veterinaria per verificare l’idoneità alla corsa dei cavalli, primo a organizzare un servizio di pronto intervento e a introdurre la presenza della horse ambulance nel campo di gara, il Palio di Legnano prevede fin dal 1999 controlli antidoping con laboratori pubblici legati alla Fise e al Ministero competente. Non solo, nel 2009, anticipando la cosiddetta ordinanza Martini, la superficie erbosa su cui si svolgeva la gara è stata sostituita con sabbia silicea speciale, proprio per migliorare la sicurezza.

Da sempre preso a modello, fra l’altro, per l’attenzione alla tutela di cavalli e fantini, il Palio di Legnano ha ottenuto la certificazione di regolarità del Ministero per le Politiche Agricole e Forestali.

Pur nella consapevolezza che si deve sempre cercare di migliorare e che in un contesto competitivo non tutto è prevedibile e controllabile, sarebbe ingeneroso e ingiusto se all’opinione pubblica arrivasse il messaggio di un palio non attento alla salute di cavalli e persone o ridotto alla sola corsa ippica: storia, tradizione, ricerca ed eccellenza artigianale, cura dei dettagli e incessante lavoro contribuiscono ogni anno all’allestimento di una sfilata storica che può essere considerata fra le migliori in Italia.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 10 aprile 2018
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore