Ubriaco tenta il furto in un negozio di antifurti, arrestato

L'uomo ha patteggiato una pena di 10 mesi. Era uscito di casa per cercare lavoro ma si è ritrovato con le manette ai polsi in un negozio di allarmi

arresto carabinieri

Era uscito di casa con la convinzione di cercare un lavoro ma, arrivato a Rho, ha incontrato un amico conosciuto in carcere e si è ritrovato ubriaco a Cardano al Campo, con le manette ai polsi, dopo aver tentato un furto all’interno di un negozio di antifurti.

La paradossale vicenda è accaduta nella notte tra giovedì e venerdì, quando l’efficientissimo allarme del negozio, collegato con la centrale operativa del 112, ha suonato. Subito una pattuglia si è recata sul posto e ha trovato A.C., milanese del 1980 con numerosi precedenti (furto, rapina e guida in stato di ebrezza), all’interno del negozio nel quale era penetrato dopo aver sfondato la vetrina.

Alla vista dei Carabinieri della compagnia di Gallarate non ha opposto resistenza e ha passato il resto della notte in camera di sicurezza. Nell’udienza del processo con rito direttissimo che si è svolto questa mattina (venerdì) al Tribunale di Busto Arsizio, l’uomo ha fornito la sua versione. Ha raccontato di essere sposato con una donna di cui non ricorda il nome e di essere uscito da poco dalla comunità.

Ieri mattina (givedì) era andato a Rho per cercare lavoro ma ha incontrato un amico di Busto Arsizio col quale ha iniziato a bere birra. Dopo aver bevuto molto ha raggiunto Cardano al Campo insieme all’amico, con l’intenzione di fare un furto.

Una volta sfondata la vetrina dell’esercizio si è reso conto di essere entrato in un negozio di antifurti dove è stato trovato dai militari. A.C. ha patteggiato una pena di 10 mesi agli arresti domiciliari.

di orlando.mastrillo@varesenews.it
Pubblicato il 06 aprile 2018
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore