Via al primo Consiglio regionale della Lombardia

A 58 anni e un giorno dall’inaugurazione di Palazzo Pirelli al suo interno si è riunito il nuovo Consiglio, per la prima volta dopo le elezioni del 4 marzo, per dare inizio all’XI legislatura regionale

A 58 anni e un giorno dall’inaugurazione di Palazzo Pirelli al suo interno si riunisce il nuovo Consiglio regionale della Lombardia, per la prima volta dopo le elezioni del 4 marzo per dare inizio all’XI legislatura regionale.

Galleria fotografica

I Varesini in Consiglio regionale 4 di 11

Alle 12.30, alla quarta chiamata, il forzista Alessandro Fermi è stato eletto con 55 voti nuovo Presidente del Consiglio regionale.

I neo consiglieri sono stati convocati su chiamata dell’ex presidente varesino Raffaele Cattaneo, ora trasferito a Palazzo Lombardia con il nuovo incarico di assessore all’ambiente in quota “Noi con l’Italia”.

In apertura d’aula, fino all’elezione del nuovo Presidente Fermi, ha condotto i lavori il consigliere regionale più anziano, Giuseppe Villani, 68 anni, eletto a Pavia nella lista del Partito Democratico.

I passaggi della prima seduta sono per lo più formali ma gli occhi sono comunque puntati sui voti di ogni passaggio in attesa di possibili colpi di scena.

Seggi nel Consiglio regionale della Lombardia

La seduta si è aperta con un minuto di silenzio per le vittime sul lavoro.

Al primo punto all’ordine del giorno ci sono le comunicazioni sulla proclamazione degli eletti e sulla composizione della Giunta regionale: seguirà la presa d’atto della sospensione dalla carica di Consigliere degli eletti nominati Assessori e la conseguente presa d’atto dei relativi subentri (Qui l’elenco di tutti i nomi).

Il punto cruciale della mattinata è stato l’elezione del Presidente del Consiglio regionale e degli altri componenti dell’Ufficio di Presidenza. La persona ufficialmente candidata ed eletta per questo ruolo è stato Alessandro Fermi, comasco di Forza Italia.

Ecco come sono andate le votazioni

PRIMA VOTAZIONE: Alessandro Fermi ha ottenuto 44 voti e Silvia Sardone 7. Presidente non eletto.

SECONDA VOTAZIONE: Alessandro Fermi ha ottenuto 43 voti e Silvia Sardone 11. Presidente non eletto.

TERZA VOTAZIONE: Alessandro Fermi ha ottenuto 47 voti e Silvia Sardone 12. Presidente non eletto.

QUARTA VOTAZIONE: (richiesta solo la maggioranza): Alessandro Fermi ha ottenuto 55 voti e Silvia Sardone 9.

Alessandro Fermi è stato eletto Presidente del Consiglio regionale della Lombardia.

Eletto alle ore: 12.30

alessandro fermi
Il forzista Alessandro Fermi

Le votazioni sono continuate con l’elezione dei due Vice Presidenti. A queste cariche sono stati eletti la varesina e leghista Francesca Brianza e il Pd Carlo Borghetti.

Varesini in consiglio regionale
La vicepresidente del Consiglio regionale Francesca Brianza

Sono invece stati eletti alle cariche di Segretari dell’aula il leghista Giovanni Malanchini e il Movimento 5 Stelle Dario Violi.

L’elezione dei due Vice Presidenti e dei due Segretari ha luogo con due distinte votazioni; ciascun Consigliere può scrivere sulla scheda un solo nome al fine di assicurare la rappresentanza delle minoranze. Risultano eletti Vice Presidenti e Segretari i Consiglieri che ottengono il maggior numero di voti; a parità di voti è eletto il Consigliere più anziano di età.

L’ultimo punto all’ordine del giorno prevede la Costituzione della Giunta delle elezioni, composta da un componente per gruppo e a cui spettano le verifiche sulla sussistenza di eventuali casi di incompatibilità e sulla convalida degli eletti.

Il numero delle Commissioni consiliari e le rispettive competenze saranno stabiliti in una seduta successiva, su proposta dell’Ufficio di Presidenza, sentita la Conferenza dei Presidenti dei Gruppi consiliari.

di tomaso.bassani@varesenews.it
Pubblicato il 05 aprile 2018
Leggi i commenti

Galleria fotografica

I Varesini in Consiglio regionale 4 di 11

Video

Via al primo Consiglio regionale della Lombardia 1 di 1

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore