I viaggi all’estero del dirigente non erano peculato: assolto

Un processo durato 10 anni ha scagionato l’ex direttore dell’Aler di Varese Gaetano Campione: andò a Parigi e Bruxelles per questioni istituzionali

Avarie

Quei 1.400 euro che Gaetano Campione, direttore dell’Aler di Varese fino alla tarda estate del 2008, spese tra Parigi e Bruxelles sono soldi che l’Azienda Lombarda per l’Edilizia Residenziale di Varese impegnò per funzioni istituzionali, e non per pagare un viaggio di piacere al dirigente.

Lo ha stabilito oggi la sentenza del giudice Orazio Muscato del Tribunale di Varese che ha assolto Campione perché il fatto non sussiste.

Già il pubblico ministero Annalisa Palomba aveva chiesto in requisitoria l’assoluzione per insufficienza di prove, ma la formula scelta dal giudice – le cui motivazioni saranno rese note tra 60 giorni, dopo il deposito – è quella piena.
La difesa del dirigente dell’ente per le case popolari, Andrea Pellicini, è riuscita a ricostruire minuziosamente i fatti, producendo la prova che ha scagionato l’imputato.

I fatti si riferiscono ad un viaggio fra Belgio e Francia avvenuto quasi dieci anni fa – nel luglio 2008 – che il direttore dell’Aler fece non per vacanze, bensì con l’obiettivo di realizzare un progetto europeo per mettere in rete le diverse esperienze di istituti analoghi operanti in alcuni Stati del Vecchio continente.
Al suo rientro in Italia, però l’esposto in procura da parte dell’azienda, da cui ebbe inizio il processo.

L’avvocato Andrea Pellicini, non senza difficoltà visto che gli incartamenti risalgono oramai a dieci anni fa, è riuscito ad estrarre l’asso nella manica che ha scagionato il suo cliente: una lettera con cui il direttore generale di “Logirep”, l’equivalente francese di Aler, invitava l’allora direttore dell’ente varesino – Campione – a recarsi in Francia.

«Sì, abbiamo ottenuto in giudizio importante – spiega Andrea Pellicini – sebbene vi sia da rilevare che il mio assistito è stato messo sulla graticola per ben 10 anni, per un fatto che mai ha commesso, non potendo nel frattempo accedere a bandi pubblici, e quindi subendo un danno economico rilevante».

Gaetano Campione, che fu sindaco di Opera, nel Milanese, a metà degli anni ’90, oggi ha 63 anni.

La parola PECULATO

Il peculato, nel diritto penale italiano, è il reato previsto dall’art. 314 (Peculato) del codice penale, in virtù del quale il pubblico ufficiale o l’incaricato di pubblico servizio, che, avendo per ragione del suo ufficio o servizio il possesso o comunque la disponibilità di denaro o di altra cosa mobile altrui, se ne appropria; detto reato è punito con la reclusione da quattro a dieci anni.
(da wikipedia)

di andrea.camurani@varesenews.it
Pubblicato il 10 aprile 2018
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore