Fake news, se ne parla #inbiblioteca

L'appuntamento è per domenica 20 alle 18: protagonista sarà Edoardo Vigna, varesino ormai prestato definitivamente a Milano: lavora infatti al Corriere della Sera da 23 anni

personaggi

Ormai le chiamiamo tutti fake news, all’inglese. Sono notizie inventate e ingannevoli, create per disinformare: in pratica, le vecchie “bufale”. Ma il fatto che su internet si diffondano in un attimo in tutto il mondo, le ha rese più subdole, meno riconoscibili e pericolosissime per ogni democrazia. Ma la disinformazione passa anche, più semplicemente, attraverso titoli forzati e articoli distorti, all’apparenza innocui, che attraverso i social media disegnano una realtà fasulla.

Di questo argomento, che crediamo di conoscere, se ne parla domenica 20, dalle 18, alla biblioteca civica di Varese, nell’incontro, organizzato nell’ambito della rassegna #inbiblioteca, dal titolo: “Fake news, nuovo oppio dei popoli?” Protagonista sarà Edoardo Vigna, varesino ormai prestato definitivamente a Milano: lavora infatti al Corriere della Sera da 23 anni.

Tra le sue prime esperienze extragiornalistiche Vigna annovera, insieme con il collega Enrico Marro, il libro “Sette mesi di Berlusconi”, radiografia della prima esperienza di governo del fondatore di Forza Italia, scritto alla fine degli anni 90.

Oggi è caporedattore centrale della redazione di “Sette” su cui ha firmato negli ultimi 15 anni reportage, inchieste, interviste e servizi di copertina, oltre alle rubriche “Globalist” e “AfrAsia”. Su corriere.it è titolare del blog “Globalist”.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 16 maggio 2018
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore