L’adozione internazionale è cambiata: è ancora una buona risposta?

Si svolgerà il 24 e 25 maggio presso il Palazzo delle Stelline “EurAdopt   International Conference”, la Conferenza che ogni due anni riunisce esperti da tutto il mondo

adozioni congo

Si svolgerà il 24 e 25 maggio a Milano presso il Palazzo delle Stelline “EurAdopt   International Conference”, la Conferenza Internazionale di EurAdopt che ogni due anni riunisce in un diverso Paese europeo esperti da tutto il mondo per esaminare le tematiche peculiari relative all’Adozione Internazionale.

L’adozione internazionale è cambiata: lo dicono i numeri, lo dicono le storie di bambini segnalati per l’adozione e anche le disponibilità delle famiglie che si candidano all’adozione. Anche il contesto sociale e culturale è profondamente mutato, sia nei Paesi di origine dei bambini che in quelli di accoglienza e la percezione sull’impatto dell’adozione è in crisi.

Gli effetti delle adozioni fatte male, superficialmente o addirittura in modo fraudolento, sono cronaca quotidiana che spaventa e allontana dal progetto adottivo.

Nel corso delle due giornate tutti i membri del network e delle Autorità Centrali dei Paesi di origine e di accoglienza dei bambini (tra cui naturalmente l’Italia), oltre ai membri delle organizzazioni accreditate, come ISS e UNICEF, agli operatori e ancora accademici, psicologi e avvocati, cercheranno di confrontarsi, attraverso il reciproco scambio di opinioni, esperienze e punti di vista, sul se e come l’adozione possa rappresentare una risposta che tutela il superiore interesse del bambino.

 Programma

Giovedì 24 maggio: L’impatto dell’adozione internazionale
Partendo dall’analisi dei dati, che registrano una progressiva e drastica riduzione del numero delle adozioni internazionali in tutto il modo, si cercherà di approfondirne le cause per valutare – grazie agli esperti dell’adozione sia dei Paesi di origine che di accoglienza – se questo trend è da leggersi come un fenomeno negativo o positivo alla luce del best interest del bambino.

E’ prevista traduzione simultanea inglese/italiano e viceversa.

14,00 Introduzione Angelo MORETTO, Presidente EurAdopt membro del Consiglio Direttivo di CIAI – organizzazione di EurAdopt

14,10 Saluti istituzionali

I bambini
Moderatore: Angelo Moretto

14.40 I bambini fuori famiglia
Mia DAMBACH, Direttrice ISS/IRC – International Social Service, Svizzera

15.00 Il calo mondiale nei numeri dell’adozione internazionale
Peter SELMAN, Professore School of Geography, Politics and Sociology – Newcastle University, Gran Bretagna

L’adozione internazionale è ancora un intervento attuale?
15.20 L’impatto dell’adozione dal punto di vista di un Paese di accoglienza
Jolijn VAN HAAREN, Consulente senior di programma UNICEF Olanda

15.40 L’impatto dell’adozione dal punto di vista di un Paese di origine
Alphonsine SAWADOGO/OUEDRAOGO, Consulente Affari Sociali Ministero della Donna, della Solidarietà e della Famiglia, Burkina Faso

16.00 Pausa caffè (servita fuori dalla della Sala Conferenza)

16,30 Adozioni tra Paesi Europei
Enrica DATO, Avvocato, Responsabile Ufficio Legale AiBi – organizzazione di EurAdopt, Italia

16.50 Il sostegno pre e post adozione
Gera TERMEULEN, membro Consiglio Esecutivo di EurAdopt, Olanda

17.10 – 18.00 Dibattito

Venerdì 25 maggio: La buona adozione

Il secondo giorno intende mettere a fuoco quali siano i presupposti perché un’adozione internazionale sia veramente lo strumento di protezione più efficace alla luce delle mutate necessità dei bambini adottabili e dei contesti sociali e culturali in cui vivono, in considerazione dei profondi cambiamenti della realtà delle
famiglie che accolgono. Con uno sguardo agli scenari futuri.

L’Adozione Internazionale sta cambiando
Moderatore: Angelo Moretto

9.00 Come assicurare procedure corrette
Laura MARTINEZ MORA, Responsabile Ufficio Legale Permanent Bureau de L’Aja di Diritto Internazionale Privato, Olanda

9,20 Tavola Rotonda delle Autorità Centrali per le Adozioni Internazionali Buone prassi e cooperazione tra Stati – Conduce: Gad LERNER, giornalista
– Azucena Isabel Gil BARRERA (in attesa conferma) ICBF – Instituto Colombiano de Bienestar Familiar, Colombia 

– Maryse JAVAUX VENA, Consulente Legale Ufficio Federale della Giustizia, Svizzera

– Sh. Deepak KUMAR, Direttore Generale CARA – Central Adoption Resource Agency, India

– Laura LAERA, Vice Presidente CAI – Commissione per le Adozioni Internazionali, Italia

– Petya TODOROVA, Capo Dipartimento Affari Sociali Direzione sostegno al bambino e adozione internazionale – Ministero della Giustizia, Bulgaria

11,00 Dibattito

11,30 Pausa caffè (servita fuori dalla della Sala Conferenza)

Come stanno i bambini adottati?

12,00 Imparare dalle crisi delle adozioni internazionali
Cécile JEANNIN, Coordinatrice Centro Pubblicazioni e ricerche ISS/IRC – International Social Service, Svizzera

12,20 Cinquant’anni di adozioni internazionali: come stanno famiglie e bambini?
Alessandra SANTONA, Professore associato di Psicologia Dinamica Università di Milano Bicocca, Italia

12,40 La voce dei bambini
Video “Il libro della Giungla” – laboratorio teatrale

12,50 Pranzo (servito fuori dalla Sala Conferenza)

Il rapporto con le origini

14,00 Il bisogno di sapere: l’importanza delle origini
Adam PERTMAN, Presidente NCAP – National Center on Adoption and Permanency, Stati Uniti d’America

14,20 Ritorno nel Paese di origine
Marco CHISTOLINI, Psicologo e Psicoterapeuta Responsabile Scientifico di CIAI

14,40 Testimonianze di adottivi: tavola rotonda – Conduce : Marco Chistolini
– Yimtu CASELLA, partecipante a “Viaggio di Ritorno alle Origini” in Thailandia
– Kim Soo- bok CIMASCHI. Presidente Prisma Luce e Vice Presidente K.A.I.O.
– Devi VETTORI, membro di GAA – Gruppo Adottivi Adulti

16-17.00 Dibattito e conclusioni

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 17 maggio 2018
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore