Rifiuti abbandonati, strade e boschi sotto attacco degli incivili

Poche le soluzioni disponibili per l'amministrazione comunale. In via Bolivia campeggia una lavatrice a bordo strada e in area industriale sacchi dell'immondizia nei prati

rifiuti abbandonati busto arsizio

Rifiuti abbandonati, il fenomeno non accenna a diminuire, anzi sono sempre di più i casi di discariche a bordo strada in giro per la città, come quella fotografata da un membro del gruppo facebook Busto a 360° in via Bolivia dove troneggiano una lavatrice, un tavolino e altri scarti posizionati tra il prato e il marciapiede.

Nei giorni scrosi ne sono state segnalate molte altre, a partire da quelle nei boschi ma anche in zona industriale, nei prati a bordo strada che quando vengono tagliati mettono in luce tutta l’inciviltà di cui sono capaci alcuni cittadini con sacchi abbandonati di ogni tipo.

Cosa fare? L’assessore alla Sicurezza Massimiliano Rogora allarga le braccia sconsolato: «Non è facile trovare una soluzione funzionale. Le telecamere trappola (che si attivano con i sensori di movimento, ndr) vanno bene nei boschi dove il passaggio di mezzi e persone è ridotto e quindi la batteria dura per un periodo lungo ma sulla strada, con il traffico di auto e cittadini, esaurirebbe la carica in poche ore».

Ed ecco che tocca agli agenti di Polizia Locale intervenire “manualmente” aprendo i sacchi e andando a trovare tra i rifiuti un nome, un indirizzo o qualsiasi dato che possa far risalire al proprietario per stangarlo: «In realtà ci vorrebbero multe molto più salate ma questo i cittadini lo devono capire perchè poi, quando colti sul fatto, si lamentano per gli importi salatissimi che devono pagare».

Insomma la guerra contro gli sporcaccioni non è affatto facile da condurre e da vincere. Si può vincere qualche battaglia ma è il senso civico di una comunità a doversi confrontare con questa realtà e le nostre strade e i nostri boschi diventano lo specchio di chi ci vive.

di orlando.mastrillo@varesenews.it
Pubblicato il 17 maggio 2018
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore