Sindaco ai gazebo per la fusione

Giorgio Piccolo e alcuni componenti della giunta questa mattina in piazza: “C’è interesse per il progetto”

Avarie

Nessuna raccolta firme, solo pieghevoli di colore azzurro e spiegazioni per illustrare il progetto di fusione con Duno.
Sceglie il giorno di mercato l’amministrazione comunale di Cuveglio per il gazebo informativo legato al procedimento di accorpamento con Duno che darà vita al nuovo comune della valle: se tutto andrà secondo i piani della maggioranza retta da Giorgio Piccolo, il nuovo paese nascerà tra un anno, quando dopo il referendum del prossimo luglio e il commissariamento degli enti, si terranno le nuove elezioni.

Chi si candiderà – sempre che il referendum abbia un esito positivo per la fusione – come sindaco, ancora non si sa.

Certo, l’aria da campagna elettorale, assieme al profumo del pollo arrosto nel giorno di mercato, già qui in Valcuvia la si respira.

Sta di fatto che nella mattinata di oggi c’era un certo fermento attorno al banchetto, con molte persone che si sono fermate a scambiare quattro chiacchiere. C’erano amministratori comunali – presenti gli assessori Lioi e Furigo – e cittadini che si fermavano per chiedere informazioni.

Uno dei punti su cui i residenti dovranno esprimersi è anche il nome del nuovo comune: “Valcuvia” o “Cuveglio Duno”?

«Ho notato un buon interesse per il progetto – ha commentato il sindaco Giorgio Piccolole persone si fermano e chiedono: un fatto che fa ben sperare per la riuscita della fusione, per il bene delle nostre comunità».

di
Pubblicato il 17 maggio 2018
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore