Ossa in discarica, svelato il mistero

Le ossa ritrovate in discarica appartenevano a un medico che le utilizzava come strumenti di didattica

saronno foto carabinieri

Erano destinate alla ricerca e alla pratica medica le ossa ritrovate in un cassone della piattaforma ecologica di via Milano a Saronno.

Appartenevano a un medico che, una volta in pensione, aveva svuotato l’ambulatorio e portato tutto in cantina. La casa, poi, era passata di proprietà e l’acquirente aveva portato in discarica ciò che apparteneva al precedente inquilino, inconsapevole che ci fossero anche le ossa.

Che la situazione potesse essere meno problematica di quanto apparisse era apparso probabile alle forze dell’ordine alle prese con un femore ed una porzione di cranio. Alcuni segni sulle ossa lasciavano intendere che fossero strumenti per uso scientifico o didattico.

Partendo da questa premesse i carabinieri sono rapidamente risaliti alla loro origine. Sono ossa di persone decedute e che per scelta propria o dei propri parenti erano state poi “donate alla scienza” e dunque utilizzate nelle università o dai medici per scopi scientifici.

di saragiud@gmail.com
Pubblicato il 12 giugno 2018
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore